Home News Allargamento e Politica di Vicinato

Allargamento e Politica di Vicinato

Dalla Commissione europea nuove proposte per riformare il processo di adesione

Un disegno di riforma che guarda ai Balcani La Commissione europea ha recentemente presentato una proposta di riforma del...

L’Unione Europea firma un accordo con la Serbia sulla gestione congiunta delle frontiere

Il 19 novembre è stato firmato un accordo tra l’Unione Europea e la Serbia riguardo una cooperazione nella gestione delle frontiere, coordinata...

Il Cese critica la mancata apertura dei negoziati di accesso con la Macedonia del...

Il Comitato economico e sociale europeo (Cese) ha recentemente espresso la propria contrarietà alla decisione del Consiglio europeo di posticipare ulteriormente i negoziati per l’ingresso della Macedonia del Nord e dell’Albania a causa della mancanza di unanimità tra gli Stati membri.

La Commissione Europea esamina la situazione migratoria e so pone nuovi obiettivi

Nel quadro dell'agenda europea sulle migrazioni, la Commissione europea ha presentato i principali progressi riguardo alla gestione del fenomeno migratorio, che ha raggiunto il punto...

Il partenariato orientale celebra dieci anni di intensa collaborazione

Il Comitato economico e sociale europeo (CESE) ha recentemente ospitato una conferenza di alto livello per celebrare il Partenariato con i Paesi orientali. Tale Associazione di Stati è una dimensione specifica della politica europea di vicinato, tesa a rafforzare le relazioni tra l'Unione Europea, i suoi Stati membri e altri sei Paesi nell'area orientale: l'Armenia, l'Azerbaijan, la Bielorussia, la Georgia, la Repubblica della Moldavia e l'Ucraina.

Il sostegno UE all’Ucraina

Nello scorso mese di settembr si sono verificati due fatti significativi per le relazioni tra l’UE e l’#Ucraina, Paese che rappresenta un nodo sensibile nel più complesso scenario delle relazioni tra l’Ue e la Russia.

Ue-Georgia: passi avanti nel consolidamento delle relazioni

Nuovi investimenti dell’Unione a supporto di istruzione e riforme economiche. #Georgia

Parlamento europeo: il resoconto della plenaria di febbraio

Blocchi geografici, ambiente, Balcani, Turchia e funzionamento interno: sono solo alcuni tra i numerosi temi affrontati nella seduta #plenaria del 5-8 febbraio del# Parlamento Europeo.

5° Vertice del Partenariato orientale: al centro i cittadini

Il 24 novembre si è tenuto il 5° Vertice tra Unione europea e i Paesi del Partenariato orientale: Armenia, Azerbaijan, Bielorussia, Georgia, Moldavia e Ucraina

Mediterraneo. ONG contestano il codice di condotta proposto dal Viminale

Molteplici Organizzazioni Non Governative affermano che il codice di condotta possa rendere più difficoltose le operazioni di salvataggio e ritardare gli sbarchi in sicurezza, infrangendo gli obblighi...

Report sulla situazione attuale delle relazioni EU-Tunisia: verso il rinforzo della Privileged Partnership

Il 10 Maggio 2017, la Commissione Europea e il Servizio Europeo per l’Azione Esterna hanno pubblicato il primo report con oggetto le relazioni tra...

Per i cittadini ucraini si apre la possibilità di viaggiare i UE senza visti

Lo scorso 11 maggio il Consiglio europeo ha adottato la proposta della Commissione per la liberalizzazione dei visti per i cittadini ucraini. Si inizia in questo modo a vedere chiaramente la fine di un processo iniziato diversi anni fa.

Unione europea e Svizzera: il 2017 sarà un buon anno

Dicembre è stato un mese positivo per le relazioni bilaterali tra Unione europea e Svizzera: prima l’adozione di una legge federale che consacra il...

Brexit, la Commissione si affida a Michel Barnier per i negoziati

Il referendum del 23 giugno non ha lasciato spazio a dubbi: i cittadini del Regno Unito hanno scelto di lasciare l’Unione Europea. Tuttavia, anche se il voto popolare è stato chiaro, la procedura formale di divorzio non potrà aver luogo fino a quando il governo britannico non farà valere l’articolo 50 del TUE, vera e propria base giuridica della Brexit.

Il costo economico della reintroduzione di Schengen

SeSecondo uno studio condotto da alcuni ricercatori dell'Ifo Institute (Institute for Economic Research) di Monaco, la reintroduzione dei controlli alle frontiere costerebbe all'Europa circa 15 miliardi di euro all'anno.

La Bosnia-Erzegovina verso la richiesta di adesione all’UE

Il presidente del Consiglio dei Ministri della Bosnia-Erzegovina, Denis Zvizdic, ha recentemente annunciato che il suo Paese intende avanzare la richiesta di adesione all’Unione Europea nei prossimi mesi, poiché «non c’è alternativa all’integrazione Europea».

Relazioni esterne: due risoluzioni del Parlamento europeo su Russia e Turchia

Durante la sessione plenaria di giugno 2015, il Parlamento europeo ha approvato due risoluzioni nell'ambito delle relazioni esterne riguardanti la politica estera della Russia e il processo di riforma interna della Turchia.

UE- Bosnia Erzegovina, al via l’Accordo di Stabilizzazionie e Associazione

E' Entrato in vigore il primo giugno scorso, l'Accordo di  Stabilizzazione e Associazione tra l'Unione europea e la Bosnia-Erzegovina. L'entrata in vigore di questo strumento,...

UE-Ucraina: memorandum per 1,8 miliardi

Venerdì 22 maggio, a Riga, Valdis Dombrovskis, Vicepresidente della Commissione Europea, Natalie Jaresko, ministro delle Finanze ucraino, e Valeria Gontareva, Governatore della Banca Centrale ucraina, hanno siglato un Memorandum d’Intesa ed un accordo per un prestito nell’ambito del terzo programma di Assistenza Macro-Finanziaria (MFA) dell’Unione Europea nei confronti dell’Ucraina. Gli accordi pongono le condizioni che porteranno altri 1,8 miliardi di euro al Paese.

27 aprile 2015: Vertice Ue – Ucraina

Il 17 ° vertice UE - Ucraina si terrà a Kiev lunedì 27 aprile 2015. Questo sarà il primo incontro che si svolgerà nel quadro dell'accordo di associazione, firmato nel giugno 2014.

Editoriali e commenti

Ultime news

Schede tematiche