Agenda per lo Sviluppo Urbano Sostenibile: la Commissione fa il punto

672

In occasione del World Urban Forum, svoltosi a Kuala Lumpur agli inizi di febbraio, la Commissione europea ha presentato i progressi fatti sui  tre impegni che si è assunta nell’ottobre del 2016, durante la conferenza Habitat delle Nazioni Unite sugli insediamenti umani e lo sviluppo urbano sostenibile.

Le azioni proposte nell’Agenda urbana dell’ONU, articolate 12 temi prioritari, sono finalizzare a rendere le città luoghi più inclusivi, più sicuri e più attenti all’ambiente.

Questi impegni rientrano inoltre nell’accordo di Parigi e dell’agenda UE 2030 per lo sviluppo sostenibile.

I tre impegni sottoscritti dalla Commissione europea riguardano :

La realizzazione di una nuova agenda urbana tramite l’agenda urbana per l’UE 

Ad oggi la Commissione europea ha sviluppato progetti e esempi di buone pratiche sui temi della povertà urbana, dell’integrazione dei migranti e sulla qualità dell’aria. Inoltre la metodologia utilizzata per definire l’agenda urbana UE può essere a sua volta una valida base di partenza per ulteriori azioni finalizzate ad uno sviluppo urbano sostenibile.

Elaborare una definizione globale e armonizzata di città

Definire universalmente il concetto di “città” è un compito articolato ma indispensabile per poter misurare, analizzare e pianificare le politiche intraprese su scala internazionale. La Commissione ha raccolto le stime relative ai livelli di urbanizzazione a livello mondiale tramite il progetto “Degreeof Urbanisation”   http://ghsl.jrc.ec.europa.eu/CFS.php e ha reso disponibile la più ampia e inclusiva raccolta ad oggi esistente sui 10.000 centri urbani presenti nel mondo tramite la banca dati mondiale dei centri urbani.

A marzo 2019 in cooperazione con FAO, OCSE e la Banca mondiale verrà proposta una definizione condivisa di “città”

Promuovere la cooperazione tra città nel campo dello sviluppo urbano sostenibile

Su questo fronte la Commissione europea ha ideato e finanziato il programma IUC: programma di cooperazione internazionale urbana di durata triennale con l’obiettivo di facilitare lo scambio di best practices e la condivisione di conoscenza tra le città di tutto il mondo.

Attualmente sono 70 le città partecipanti, di cui 35 in paesi terzi, c’è tempo fino al 9 marzo per proporre nuove adesioni.

La Commissione svilupperà i rimanenti nove temi prioritari entro il 2018

Per ulteriori informazioni:

Forum urbano mondiale

Conferenza Habitat III

Politica urbana dell’UE

Piattaforma dei dati sui centri urbani del Centro comune di ricerca

Pannello territoriale degli strumenti del Centro comune di ricerca

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here