Dieci nodi da sciogliere dopo Brexit

1006
  1. La durata della procedura di divorzio Gran Bretagna-UE: da un minimo di due anni a dieci per completarlo in tutte le sue parti.
  2. Il tavolo dei negoziatori: il futuro governo inglese, il Consiglio europeo, la Commissione e il Parlamento europeo. Al tavolo ha chiesto di sedersi anche il governo scozzese, orientato a rimanere nell’UE.
  3. La base giuridica del negoziato: l’art. 50 del Trattato di Lisbona che prevede un voto finale dei Governi dei 27 a maggioranza qualificata.
  4. Le modifiche alle regole della libera circolazione e del welfare: andranno definite quelle contenute nell’accordo politico di febbraio con l’UE. Saranno necessari alcuni mesi.
  5. Mercato del lavoro: per chi già è regolarmente occupato in Gran Bretagna dovrebbero valere i “diritti acquisiti”. Per i nuovi arrivi, compresi i cittadini comunitari, sarà necessario un “visto”.
  6. Viaggi e turismo: improbabile l’imposizione di visti ai cittadini comunitari, ma probabili rafforzamenti dei controlli alle frontiere.
  7. Le imprese e il commercio: nuove regole da rinegoziare bilateralmente per gli insediamenti e gli scambi con periodi di incertezza anche per gli investimenti stranieri.
  8. Dazi e Iva. Normative da rivedere nel negoziato o riprendendo quelle dei Paesi dello Spazio economico europeo (SEE) o ricontrattandole bilateralmente con l’UE.
  9. Moneta e Borse: oltre alla già pesante svalutazione della sterlina, probabili trasferimenti degli investimenti in Paesi “sicuri”, come USA e Germania.
  10. Bilancio comunitario: andranno rinegoziati gli accordi finanziari   per il periodo 2014-2020 con un risparmio per la Gran Bretagna che però uscirebbe progressivamente dai beneficiari dei Fondi UE, in particolare per la ricerca.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here