Recovery: il Parlamento chiede un controllo democratico sui piani nazionali

112

Il dispositivo per la ripresa e la resilienza da 672,5 miliardi di euro, progettato per aiutare i  Paesi UE ad affrontare la crisi pandemica, costituisce la parte più grande del pacchetto Next Generation EU.

Per poter fruire dei finanziamenti, ogni piano nazionale deve concentrarsi su politiche chiave quali la transizione verde, la trasformazione digitale, la coesione economica e sociale, l’istruzione e lo sviluppo.

Ogni piani nazionali di ripresa e resilienza (PNRR) deve destinare almeno il 37% del proprio bilancio al clima e il 20% alle azioni digitali. Inoltre, secondo il regolamento, potranno ricevere tali fondi soltanto i paesi membri che rispettano lo Stato di diritto e i valori fondamentali dell’UE.

Infine, gli stati membri devono spiegare come i propri i piani nazionali contribuiscano all’uguaglianza di genere e alle pari opportunità e in che modo le parti interessate a livello nazionale siano state coinvolte nella stesura dei PNRR.

Gli Stati membri devono fornire al Parlamento Europeo tutte le informazioni rilevanti sui piani nazionali di ripresa e resilienza, al fine di garantire un controllo democratico sulla loro attuazione.

Una risoluzione non legislativa adottata giovedì 20 maggio ha ribadito che il PE ha il diritto di ricevere le informazioni sullo stato di attuazione del Recovery e che la Commissione sarà tenuta a fornire ai deputati una sintesi delle riforme e degli investimenti dei piani nazionali ricevuti.

Dal momento che la maggior parte dei PNRR sono già in fase avanzata e probabilmente saranno approvati, secondo deputati del PE la condivisione delle valutazioni dei piani non pregiudicherà l’esito della procedura, ma gioverà al dialogo sulla ripresa.
Inoltre, il coinvolgimento del Parlamento sulla trasparenza e sulla responsabilità garantirà e rafforzerà la legittimità democratica e il senso di titolarità dei cittadini.


Infine, i deputati chiedono che le commissioni competenti del Parlamento siano tenute informate sui risultati preliminari circa l’adempimento degli obiettivi prefissati, in modo tale da poter valutare al meglio l’effettiva e corretta spesa dei fondi.


Per ulteriori informazioni: Recovery: il Parlamento chiede un controllo democratico sui piani nazionali, i Piani nazionali dei diversi Paesi UE, la plenaria di maggio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here