Plenaria del CESE: aspettare è la più grande minaccia alla transizione climatica

50

Nella sessione plenaria del 24 febbraio, il Comitato economico e sociale europeo (CESE) ha presentato il suo parere “Fit for 55”. Tale pacchetto contiene proposte concrete per accelerare la transizione energetica e permettere all’UE di ridurre le emissioni nette di gas a effetto serra almeno del 55% entro il 2030.

I sacrifici che il Green Deal comporta ci toccano direttamente, dal momento che riguardano le nostre abitudini, il nostro modo di vivere, lavorare, produrre e consumare. Inoltre, il raggiungimento degli obiettivi rivisti di Fit for 55, avrà un impatto diseguale sulle regioni e gli individui di tutta Europa.

La rapida transizione verso un’economia decarbonizzata, da un lato, comporterà sfide enormi per coloro che dipendono maggiormente dai settori ad alta intensità di carbonio, ma, dall’altro, creerà opportunità per gli altri. Di conseguenza, le linee guida della transizione dovranno essere fatte su misura, riflettendo le diverse circostanze degli Stati membri. È pertanto fondamentale che meccanismi di solidarietà siano progettati e finanziati adeguatamente, per garantire una transizione socialmente equa, competitiva e verde

Non lasciare nessuno indietro significa anche includere tutti. Le principali organizzazioni della società civile hanno un ruolo fondamentale e devono essere coinvolte nella pianificazione e attuazione del pacchetto Fit for 55.

A tal proposito, il CESE sostiene la creazione di “commissioni tripartite per la transizione giusta”, finalizzate a consentire alle autorità regionali, alle parti sociali e alle organizzazioni della società civile di partecipare all’attuazione dei piani nazionali e regionali di transizione. Inoltre, il CESE ritiene che le istituzioni europee dovrebbero presentare ulteriori proposte per incentivare investimenti pubblici e privati, seguendo l’esempio del “Just Transition Fund”.

Un modello che si traduce in un’economia fiorente. Posto l’obiettivo che l’UE sia un’avanguardia da emulare, è essenziale plasmare il modello di maggior successo, giusto e sostenibile in termini economici, sociali e ambientali. Per questo motivo il CESE raccomanda che tutte le proposte legislative del programma Fit for 55 siano sottoposte a una verifica della competitività.

Per ulteriori informazioni: 567th Plenary session 23-24 February 2022; ‘Fit for 55’: delivering the EU’s 2030 Climate Target on the way to climate neutrality; Sustainable Development Observatory; Sustainable development

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here