Protezione dei bambini contro gli abusi sessuali online: i risultati dell’Eurobarometro

81

I risultati dell’indagine Flash Eurobarometro sulla “Protezione dei bambini contro gli abusi sessuali online” mostrano che il 73% considera l’abuso sessuale sui minori online un problema diffuso o molto diffuso, mentre il 92% concorda sul fatto che i bambini sono sempre più a rischio online.

La circolazione online di materiale pedopornografico e i casi di “grooming” (manipolazione di bambini per indurli ad abusi sessuali) sono cresciuti drammaticamente. In media nell’UE la maggior parte degli intervistati (82%) concorda sul fatto che  strumenti come il controllo parentale non sono sufficienti per garantire la sicurezza dei bambini online.

Nel maggio 2022, la Commissione ha proposto misure volte a garantire una maggiore protezione dei minori. Se la legislazione proposta non entrerà in vigore entro agosto 2024, il regolamento provvisorio dell’UE scadrà, rendendo illegale anche il rilevamento volontariamente di questo contenuto criminale nei messaggi online. Di fronte a questa possibilità, il 78% degli europei intervistati tende a sostenere o a sostenere fortemente la proposta della Commissione di combattere gli abusi sessuali sui minori. Gli europei indicano un chiaro sostegno all’individuazione degli abusi sessuali sui minori online in messaggi come e-mail e chat (87%) e nei messaggi crittografati end-to-end (83%).

Per maggiori informazioni: Esplora il set di dati attraverso data.europa.eu; Comunicato stampa  

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here