Il Consiglio continua a tutelare i giornalisti con la nuova legge europea per la libertà dei media

54

Il 13 marzo scorso il Consiglio ha votato un nuovo regolamento, EMFA – legge europea per la libertà dei media, che introdurrà un quadro comune per i servizi di media all’interno del mercato UE e, soprattutto, metterà in uso misure con lo scopo di proteggere i giornalisti e i fornitori di media da interferenze politiche. 

Grazie all’EMFA i cittadini UE vedranno garantito il diritto di accedere a informazioni libere. 

Il nuovo regolamento prende forma come risposta alle sempre maggiori preoccupazioni in merito alla politicizzazione dei media e alla mancanza di trasparenza della proprietà dei media. 

La “legge europea per la libertà dei media” prevede anche la nascita di un comitato europeo per i servizi dei media, il quale incentiverà l’impiego delle disposizioni della nuova legge fornendo consulenza e sostegno alla Commissione a sviluppare nuovi orientamenti.

Purtroppo negli ultimi decenni diversi Stati del mondo hanno intrapreso il cammino della coercizione e spesso della violenza per perseguire organi di informazione e singoli giornalisti. Basti pensare che, secondo l’Osservatorio dell’UNESCO, 86 giornalisti e operatori dei media sono stati uccisi nel 2022 e molti altri arrestati, molestati o minacciati in tutto il mondo. 

Oggi più che mai risulta fondamentale ricordare che la libertà e il pluralismo dell’informazione sono sanciti dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo, in quanto pilastri fondamentali del sistema di bilanciamento dei poteri su cui poggiano i governi democratici.

Per approfondire: la cronistoria della libertà dei media nell’UE, il comunicato stampa ufficiale relativo all’EMFA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here