Europei (un po’) più ottimisti

764

L’ultimo sondaggio dell’Eurobarometro mostra la percezione della situazione economica nell’Unione Europea da parte dei cittadini.

La percentuale di coloro che avvertono un peggioramento delle condizioni economiche è diminuita rispetto all’anno scorso, passando dal 54% al 50% per quanto riguarda la percezione della crisi in Europa e dal 58% al 51% nei rispettivi Stati membri.

Generalmente gli Europei sono, quindi, un po’ più ottimisti rispetto a un anno fa.

Tuttavia, il dato varia sensibilmente a seconda del Paese. In Grecia, dove i disoccupati superano il 23% della popolazione, si conta anche il maggior numero di pessimisti: il 71% degli intervistati non intravede ancora la conclusione della crisi economica che continua ad affliggere il Paese. In testa agli ottimisti si trovano Paesi Bassi, Danimarca e Malta, dove la disoccupazione tocca appena il 5% della popolazione e la percezione del perdurare della crisi è riferita da meno del 10% delle persone.

Tuttavia, gli europei si rivelano pessimisti riguardo alle disuguaglianze sociali, percepite come importanti e destinate ad aumentare nei prossimi anni per ben il 64% degli intervistati, nonostante tra le priorità del Parlamento europeo compaiano misure di contrasto alle disuguaglianze.

 

Per approfondire

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here