Relazione sullo stato dell’area Schengen 2023

221

La Commissione ha pubblicato il secondo resoconto sulla situazione dello spazio Schengen.

La relazione sullo stato di Schengen del 2023 segna il proseguimento dell’iniziativa della Commissione volta a rafforzare la governance dello spazio Schengen e a garantire risposte europee strutturate, attraverso un esercizio di rendicontazione annuale che presenta lo stato di Schengen, individuando le sfide e le migliori pratiche, nonché i settori prioritari di azione.

Secondo il rapporto, nel 2022 il 65% dei turisti mondiali che hanno viaggiato all’estero è venuto in Europa, rendendo Schengen (nel complesso ben funzionante e solida) l’area più attraente e visitata del mondo. Inoltre, il 1° gennaio 2023, la Croazia è entrata a far parte dell’area Schengen, diventando il primo allargamento da un decennio ad oggi. In più la governance di Schengen si è notevolmente rafforzata grazie a due azioni: nel marzo 2022 è stato creato il Consiglio Schengen (presieduto dal coordinatore Schengen), che riunisce i ministri dello spazio Schengen per garantire una guida strategica e operativa; inoltre, lo scorso marzo, la Commissione ha definito la prima strategia europea di gestione delle frontiere e, nello stesso mese, è entrato in funzione un sistema d’informazione Schengen (SIS) rinnovato. Misure che renderanno possibile una maggiore interoperabilità dei sistemi tecnologici su larga scala nel settore della giustizia e degli affari interni.

Tuttavia, i passi da fare per migliorare lo spazio Schengen sono ancora molti e, in particolare, nella relazione sono state stilate sette priorità: consolidare la governance di Schengen attraverso raccomandazioni mirate per ciascun paese membro; rafforzare ulteriormente le frontiere esterne con il nuovo approccio di gestione integrata delle frontiere; migliorare l’efficacia del sistema di rimpatrio; rafforzare la sicurezza interna dello spazio Schengen per combattere la criminalità organizzata e il traffico di stupefacenti; ricercare e sviluppare un nuovo allargamento Schengen; eliminare gradualmente i controlli alle frontiere interne di lunga durata e sostituirli con misure alternative di cooperazione di polizia; migliorare l’utilizzo degli strumenti della politica dei visti dell’UE per affrontare la migrazione irregolare e i rischi per la sicurezza.

Per saperne di più: il comunicato della Commissione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here