Proposti nuovi partenariati europei per l’innovazione

937

Alla vigilia del Consiglio Europeo dell’1 e del 2 marzo, che dovrebbe riaffermare l’importanza della ricerca e dell’innovazione per la ripresa economica, la Commissione Europea propone un’azione per affrontare tre sfide nei settori chiave per la crescita e l’occupazione: fornitura di materie prime, agricoltura sostenibile e invecchiamento attivo e in buona salute della popolazione.

La Commissione ha pertanto avviato due nuovi partenariati europei per l’innovazione (PEI): uno sulle materie prime e l’altro sulla sostenibilità e la produttività dell’agricoltura ed ha approvato un piano d’azione quadriennale per il partenariato per l’innovazione sull’invecchiamento attivo e in buona salute.

Il PEI, introdotto con il programma “Unione dell’innovazione” nel quadro della strategia Europa 2020, si pone l’obiettivo di affrontare le debolezze e gli ostacoli nel sistema europeo di ricerca e innovazione che impediscono o rallentano lo sviluppo di buone idee e il loro sbocco sul mercato, intensificando anche la collaborazione tra settore pubblico e privato. Il PEI non sostituisce i programmi di finanziamento o i processi normativi, ma fornisce una piattaforma comune di cooperazione.

La Commissione ha previsto un partenariato per superare la scarsità di materie prime in Europa, con l’obiettivo di aumentare la propria produzione, facendo convergere gli sforzi di innovazione a vantaggio della ricerca, della prospezione e della trasformazione delle materie prime.

Il partenariato “Produttività e sostenibilità dell’agricoltura” intende fornire un’interfaccia di lavoro tra agricoltura, bioeconomia, scienze e altre discipline a livello locale, nazionale e regionale. Servirà inoltre da catalizzatore per favorire l’innovazione, accrescere l’efficacia delle azioni finanziate dalla politica per lo sviluppo rurale e dai programmi di ricerca e innovazione dell’Unione. Considerata anche la prossima sfida alimentare, che secondo recenti stime farà aumentare la domanda mondiale di prodotti alimentari del 70% entro il 2050, il partenariato si prefigge due obiettivi principali: la promozione della produttività e l’efficienza del settore agricolo e la ricerca della sostenibilità dell’agricoltura.

Per affrontare la sfida che il fenomeno dell’invecchiamento della popolazione porta con sè, dal novembre 2011, il PEI ha formulato un piano di attuazione strategica (SIP) definendo settori prioritari e azioni specifiche per le autorità pubbliche, le imprese e la società civile (cfr. IP/11/1309, IP/11/519).

Ora la Commissione passa alla fase concreta per realizzare queste azioni: tutte le parti interessate sono state invitate ad impegnarsi in questo senso, dall’aprile 2012 sarà istituito un “mercato per le idee innovative” per aiutare le parti a trovare partner, a condividere buone pratiche e a scambiarsi dati concreti.Scopo del PEI sull’invecchiamento attivo è il miglioramento della vita dei cittadini anziani, consentendo loro di contribuire alla società anche in questa fase della vita e riducendo la pressione sui sistemi sanitari e di assistenza, per contribuire alla crescita sostenibile.

Per saperne di più

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here