La Commissione propone la prossima generazione di risorse proprie dell’UE

112

La Commissione ha proposto l’istituzione della prossima generazione di risorse proprie del bilancio dell’UE. In particolare, presenta tre nuove fonti di entrate.

  1. La prima si basa sulle entrate provenienti dallo scambio di quote di emissioni (ETS) nell’UE.
  2. La seconda attinge alle risorse generate dal proposto meccanismo di adeguamento del carbonio alle frontiere dell’UE.
  3. La terza è fondata sulla quota degli utili residui delle imprese multinazionali che sarà riassegnata agli Stati membri dell’UE secondo il recente accordo OCSE/G20 sulla ridistribuzione parziale dei diritti di imposizione.


Si prevede che queste nuove fonti di entrate, una volta giunte a regime negli anni 2026-2030, genereranno in media fino a 17 miliardi di € all’anno a favore del bilancio dell’UE.
Le nuove risorse proposte contribuiranno a permettere il rimborso degli importi raccolti dall’UE per finanziare la componente a fondo perduto di NextGenerationEU. Le nuove risorse proprie dovrebbero anche finanziare il Fondo sociale per il clima, presentato dalla Commissione nel luglio 2021. Quest’ultimo è un elemento essenziale del nuovo sistema proposto per lo scambio di quote di emissioni: infatti, riguarderà gli edifici e il trasporto su strada e contribuirà a garantire che nessuno sia lasciato indietro nella transizione verso un’economia decarbonizzata. Una volta adottato, questo pacchetto potenzierà la riforma del sistema delle entrate, avviata nel 2020 con l’inclusione della risorsa propria basata sui rifiuti di imballaggio di plastica non riciclati.

Prossime tappe

La Commissione europea collaborerà strettamente con il Parlamento europeo e il Consiglio per giungere a una celere realizzazione del pacchetto, entro le scadenze formulate dall’accordo interistituzionale. Affinché tali nuove risorse proprie possano confluire nel bilancio dell’UE sarà necessario che l’Unione modifichi due atti legislativi fondamentali.
In aggiunta, la Commissione presenterà una proposta relativa a un secondo pacchetto di nuove risorse proprie entro la fine del 2023. Questo secondo pacchetto si fonderà sulla proposta “Imprese in Europa: quadro per l’imposizione dei redditi (BEFIT)”, prevista nel 2023.

Per saperne di più: La Commissione propone la prossima generazione di risorse proprie dell’UE

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here