Il Premio Sacharov 2018 a Oleg Sentsov

175

L’attivista ucraino riceverà a dicembre il premio per per la libertà di pensiero.

 

Il Parlamento europeo ha attribuito il  Premio Sacharov 2018 per la libertà di pensiero a Oleg Sentsov, regista ucraino nato nel 1976 e condannato, nel 2014, a 20 anni di reclusione per essersi opposto all’annessione della Crimea da parte della Russia e a seguito di un processo definito da Amnesty International come “iniquo dinanzi a un tribunale militare”. Sentsov è conosciuto in particolare per il suo film Gamer del 2011.

Il Presidente del Parlamento Europeo, Tajani, ha annunciato la vittoria del Premio da parte di Sentsov sottolineando che “ Oleg Sentsov è diventato il simbolo della lotta per la liberazione dei prigionieri politici in Russia e nel mondo. Conferendogli il Premio Sacharov, il Parlamento europeo esprime la solidarietà a lui e alla sua causa. Chiediamo la sua immediata liberazione. La sua battaglia ci ricorda che è nostro dovere difendere i diritti umani in tutto il mondo e in qualunque circostanza”

Il Premio Sacharov è ormai giunto alla sua 31ma edizione. In occasione del 30mo anniversario, oltre a significative cerimonie di commemorazione, è stata allestita una mostra fotografica dedicata alla sua storia. Il Premio, che consiste in un certificato e in una somma pari a €50.000 verrà consegnato durante una cerimonia ufficiale che si terrà presso il Parlamento europeo il 12 dicembre prossimo.

Si ricorda che lo scorso anno il Premio è stato assegnato all’opposizione democratica in Venezuela e che, quest’anno, ci sono stati altri due finalisti insieme a Sentsov: le ONG che operano nel Mar Mediterraneo e Nasser Zefzafi, attivista marocchino impegnato nell’anticorruzione, anch’essi invitati alla premiazione di dicembre.

 

Per approfondire: il comunicato, i vincitori delle edizioni precedenti, il Premio Sacharov, gli altri candidati

LASCIA UN COMMENTO