Il futuro del lavoro e della società europea

46

Il CESE e l’OIL stanno cercando di unire le forze e di intensificare gli sforzi al fine di rendere il futuro mondo del lavoro il più equo, dignitoso e inclusivo possibile.

Il 19 febbraio scorso, il Comitato economico e sociale europeo (CESE, l’organismo dell’UE che rappresenta la società civile europea), durante la sua consueta sessione plenaria a Bruxelles, ha tenuto un dibattito con la partecipazione dell’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL), allo scopo di aumentare la cooperazione tra i due enti per affrontare con più efficacia le nuove e future sfide del mondo del lavoro.


Nel corso della seduta, Guy Ryder, il direttore generale dell’OIL, ha presentato la Dichiarazione centenaria dell’OIL per il futuro del lavoro, adottata dalla Conferenza internazionale del lavoro nel 2019, anno del centenario dell’organizzazione. La Dichiarazione invita l’OIL e tutti i suoi stati membri a mettere le persone e il loro lavoro al centro delle politiche economiche, sociali e ambientali; inoltre, chiede di focalizzare l’attenzione sulla sicurezza economica, sulle pari opportunità e sulla giustizia sociale. Il documento poggia su tre pilastri d’azione che coprono, tra l’altro, l’apprendimento permanente, l’uguaglianza di genere e l’accesso universale alla protezione sociale (ad oggi negato a tre quarti di la forza lavoro globale). Ryder ha affermato che la Dichiarazione centenaria presenta molte somiglianze con il Pilastro europeo dei diritti sociali e che è anche in linea con l’Agenda 2030 dell’ONU sullo sviluppo sostenibile.


Inoltre, il Consiglio dell’UE ha già affermato di aver adottato le conclusioni per attuare la Dichiarazione dell’OIL. Ryder ha concluso il suo discorso affermando che sarà di vitale importanza il sostegno del CESE, soprattutto in materia di salari minimi e di contrattazione collettiva.


A questo input ha risposto presente il presidente del CESE, l’italiano Luca Jahier, che ha parlato dei molteplici contributi del CESE per contribuire a migliorare l’attuazione del pilastro sociale. Infine, la collaborazione ha avuto pieno appoggio anche dal Gruppo Datori di lavoro e dal Gruppo Diversità Europa del CESE.


Per approfondire: il comunicato del CESE, la Dichiarazione centenaria dell’OIL

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here