REACT-EU: Paesi Bassi e Austria i primi beneficiari

218

La Commissione individua i primi progetti da finanziare

La Commissione europea ha recentemente adottato le prime decisioni rientranti nel quadro REACT-EU (Recovery Assistance for Cohesion and the Territories of Europe). Lo strumento, che si inserisce all’interno del NextGenerationEU (NGEU), permetterà di fornire ulteriori 47,5 miliardi di EUR (50,5 miliardi di EUR a prezzi correnti) nel periodo 2021-2022 a programmi connessi alla politica di coesione. Tali fondi dovranno essere volti a finanziare le capacità di ripresa a seguito della crisi pandemica – con particolare riferimento al mercato del lavoro e alle difficoltà socio-economiche – e a sostenere la transizione ad un’economia verde, digitale, resiliente e sostenibile.

Le recenti decisioni della Commissione prevedono risorse aggiuntive a quattro programmi operativi del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) concernenti i Paesi Bassi e l’Austria, per un totale di 262 milioni di EUR. Nei Paesi Bassi verranno promossi maggiori investimenti nell’ambito della transizione digitale e verde e verrà sostenuta la resilienza dell’economia nelle regioni settentrionale, meridionale e orientale del Paese. In Austria, invece, le risorse aggiuntive al Programma Operativo FESR per la Crescita e l’Occupazione supporteranno l’utilizzo di energie rinnovabili, l’incremento dell’efficienza energetica, lo sviluppo di capacità di ricerca e innovazione e un maggior sostegno agli investimenti da parte delle imprese.

Entrato in vigore il 24 dicembre 2020, REACT-EU può operare retroattivamente per spese occorse nel periodo 1 febbraio 2020 – 31 dicembre 2023. Tuttavia, la sua effettiva implementazione dipende dalla ratifica da parte degli Stati membri della Decisione sulle risorse proprie che, una volta approvata dagli stessi, permetterà alla Commissione di contrarre prestiti sul mercato dei capitali.

Per ulteriori informazioni: il comunicato della Commissione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here