Diari d’Europa #385 – Criminalità organizzata in Europa

69

Europol, l’Ufficio europeo di polizia con sede a  l’Aja, ha pubblicato il 12 aprile scorso, un rapporto dal titolo “Valutazione della minaccia della criminalità organizzata e grave dell’Unione europea”. Un rapporto che si basa su quattro anni di indagini sulla vita criminale europea. 

Non si può dire che il rapporto sia rassicurante, perché fin dall’inizio precisa che “la criminalità organizzata non ha mai rappresentato una minaccia così grave per l’UE e i suoi cittadini come oggi”. Il traffico di droga è al primo posto per giro d’affari, seguito da altre attività come il riciclaggio di denaro e le frodi on line, intensificate in questo ultimo periodo dalla pandemia. Preoccupano inoltre  le mire delle reti criminali sui giri d’affari legati alla ripresa economica. 

Secondo la Commissione europea “i criminali hanno guadagnato in un anno quasi 140 miliardi di Euro nel territorio dell’UE, pari a circa l’1% del Pil comunitario. Si tratta di introiti sottratti all’economia lecita e alle tassazioni UE che potrebbero utilizzarli per finanziare ospedali, vaccini e cure”.


Di criminalità nell’UE parleremo nel corso del secondo incontro del ciclo “L’UE e le sfide di domani”, giovedì 22 aprile alle 20.45, insieme ad ALBERTO PERDUCA, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Asti. Ti aspettiamo!

Condividi l’evento su facebook

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here