Partenariati strategici UE per garantire l’afflusso di materie prime critiche

18

L’Unione Europea ha stretto accordi con Paesi terzi per diversificare le catene di approvvigionamento fondamentali per il futuro dell’UE

Le materie prime critiche sono indispensabili per un’ampia gamma di tecnologie necessarie in settori strategici dell’UE quali l’industria a zero emissioni nette, il digitale, lo spazio e la difesa. Si prevede che la domanda di queste continuerà a crescere per le esigenze delle transizioni verde e digitale e, per questo motivo, è necessario che l’UE si assicuri delle catene di approvvigionamento stabili.

In questo contesto, l’Unione Europea ha annunciato, insieme agli Stati Uniti e ai membri del partenariato per la sicurezza dei minerali (PSM), l’avvio del Forum sul partenariato per la sicurezza dei minerali essenziali per la duplice transizione verde e digitale. I lavori all’interno del forum seguiranno due linee guida: la prima sarà incentrata sul sostegno a progetti sostenibili relativi a minerali critici; la seconda porterà alla realizzazione di un dialogo politico mirato a individuare strategie volte a promuovere la produzione sostenibile e le capacità locali.

Inoltre, in questa direzione, nel corso della scorsa settimana, l’Unione Europea ha firmato con l’Uzbekistan un memorandum d’intesa che istituisce un partenariato strategico sulle materie prime critiche.

Infine, l’UE e il Giappone hanno avviato un dialogo rafforzato sui materiali avanzati, che porterà i due Paesi a collaborare nello sviluppo di nuovi materiali utilizzati in settori critici dell’economia e di tecnologie fondamentali alla base delle transizioni verde e digitale.

Per ulteriori informazioni: il Forum sul partenariato per la sicurezza dei minerali, il partenariato UE-Uzbekistan, l’accordo UE-Giappone

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here