La Commissione pubblica il pacchetto semestrale 2019 con le raccomandazioni per i Paesi membri e la bozza di bilancio per il 2020

308

La Commissione europea ha presentato il Pacchetto economico per il Semestre Europeo 2019, comprendente le raccomandazioni rivolte ai singoli Paesi membri in materia economica e la bozza di bilancio per il 2020.

Il documento è indirizzato, dunque, agli Stati membri con raccomandazioni circa la necessità di adottare riforme strutturali, investimenti mirati e riforme fiscali: strumenti, tutti, necessari al sostenimento e rafforzamento dell’economia europea.

Le raccomandazioni si rivolgono, inoltre a ogni singolo Stato in modo più specifico, riprendendo le priorità già fissate con il documento sulla crescita annuale per il 2019 e le raccomandazioni sulle politiche europee nell’area Euro dello scorso novembre. Si chiede, in particolare, che siano portate avanti riforme per una crescita sostenibile e inclusiva, in linea che il Pilastro Europeo per i Diritti Sociali; si chiedono politiche rivolte a rafforzare il mercato unico e l’Unione Economica e Monetaria.

Nel documento si trovano, inoltre, dei rapporti per Belgio, Francia, Italia e Cipro riguardanti il rispetto, da parte di questi, dei parametri in materia di deficit e debito, con raccomandazioni specifiche per l’Italia, per la quale si riscontrano le maggiori difficoltà nel rispetto di tali parametri.  

Particolare attenzione è rivolta anche a Ungheria e Romania, destinatarie di una Procedura per deviazione significativa. Infine un ultimo sguardo è rivolto alla Grecia cui si chiedono misure più forti per raggiungere i risultati economici e fiscali concordati.

Sul versante del bilancio per il 2020 è stato proposto un budget di 168.3 miliardi di euro, si tratta dell’ultimo bilancio a breve termine rientrante nel bilancio a lungo termine del periodo 2014-2020. Le risorse che verranno messe in campo saranno indirizzate in particolar modo a rafforzare la competitività economica, saranno destinate ai giovani, alla sicurezza e alla solidarietà e ai cambiamenti climatici.

PER APPROFONDIRE

Il Comunicato stampa della Commissione

Le raccomandazioni rivolta all’Italia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here