La Commissione eroga 14,1 miliardi di € nell’ambito del programma Sure a 12 Stati membri

32

Lo scorso 25 maggio la Commissione europea ha sborsato 14,137 miliardi di euro a 12 Stati membri nella settima rata del sostegno finanziario nell’ambito dello strumento SURE.

Questi sono i Paesi membri, tra cui sono stati suddivisi i 14,137 miliardi di euro:

  • Belgio: 2 miliardi di €;
  • Bulgaria: 511 milioni di €;
  • Cipro: 124 milioni di €;
  • Grecia: 2,54 miliardi di €;
  • Spagna: 3,37 miliardi di €;
  • Italia: 751 milioni di €;
  • Lituania: 355 milioni di €;
  • Lettonia: 113 milioni di €; 
  • Malta: 177 milioni di €;
  • Polonia: 1,56 miliardi di €;
  • Portogallo: 2,41 miliardi di €:
  • Estonia: 230 milioni di €.

Questi prestiti SURE assisteranno gli Stati membri nell’affrontare aumenti improvvisi nella spesa pubblica, per preservare l’occupazione dopo la pandemia.  Nello specifico, essi aiuteranno gli Stati membri a coprire i costi, direttamente connessi al finanziamento dei regimi nazionali di lavoro a orario ridotto e altre misure simili.

Con questo esborso, l’Unione Europea ha erogato quasi 90 miliardi in prestiti back-to-back. Complessivamente, i 19 Stati membri sono tenuti a ricevere un totale di 94,3 miliardi di €, in supporto finanziario, nell’ambito del programma SURE. 

Le diverse tranches di finanziamenti, nell’ambito dello SURE, sono state erogate in seguito alla proposta della Commissione europea, avvenuta lo scorso 18 maggio 2021. I Paesi europei possono ancora presentare richieste per ricevere sostegno finanziario nell’ambito di SURE, che ha una potenza di fuoco complessiva fino a 100 miliardi di € ed è disponibile fino al 2022.

La presidente Ursula Von Der Leyen ha così commentato: “SURE è una storia europea di successo e ne hanno finora beneficiato fino a un totale di 30 milioni di lavoratori e di 2,5 milioni di imprese.”

Per ulteriori informazioni: il comunicato della Commissione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here