2 novembre: Giornata internazionale per porre fine all’impunità dei crimini contro i giornalisti

74

La lotta all’impunità per i crimini contro i giornalisti è tra le sfide più centrali e complesse degli ultimi anni. Essa rappresenta la condizione essenziale per garantire concretamente la libertà di espressione e l’accesso alle informazioni per tutti i cittadini. 

La Giornata internazionale per porre fine all’impunità dei crimini contro i giornalisti si è tenuta il 2 novembre 2023, con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle principali sfide che giornalisti e comunicatori si trovano ad affrontare esercitando la loro professione mettendo in luce l’escalation di violenza e repressione che si registra nei loro confronti: attacchi e restrizioni alla stampa nel contesto della copertura delle proteste sociali, uso di meccanismi giudiziari contro i giornalisti, aumento del ricorso all’esilio forzato dei giornalisti.

Una stampa libera e sicura è anche garante dell’integrità delle elezioni nei sistemi democratici. Per questo motivo gli Stati devono adottare misure efficaci per rafforzare i quadri istituzionali che combattono la violenza e l’impunità e promuovono l’indipendenza, la sostenibilità e la diversità dei media.

Solo tra il  2020 e il 2021 sono stati uccisi 117 giornalisti, ma solo il 14% dei casi di crimini contro i giornalisti è attualmente considerato risolto giudizialmente.

Secondo i dati di RSF (Reporters Without Borders) dall’inizio del 2023 sono morti già 39 tra giornalisti e comunicatori dei media, di cui 11 solo in Palestina. 

Attualmente il paese più “pericoloso” per un giornalista, considerando il numero di crimini perpetrati contro questa categoria, è, senza sorprese, la Corea del Nord, immediatamente seguita dalla Cina. L’Europa, invece, si piazza piuttosto in alto in quanto a sicurezza dei giornalisti, per quanto rimanga parecchio lavoro da fare, soprattutto in alcuni paesi dell’est europeo. 

Per approfondire International Day to End Impunity for Crimes against Journalists; Index RSF  

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here