Una iniziativa dei cittadini europei per tutelare i lavoratori “Uberizzati”

218

La Commissione europea ha registrato, il primo aprile  2019 una iniziativa dei cittadini europei dal titolo #NewRightsNow – Rafforzare i diritti dei lavoratori “Uberizzati”.

I promotori dell’iniziativa chiedono alla  Commissione di “imporre alle piattaforme digitali l’obbligo di assicurare un reddito minimo garantito ai lavoratori autonomi che prestano regolarmente un’attività lavorativa in proprio”.  Secondo i promotori le misure richieste “permetterebbero di tutelare e stabilizzare il reddito di questi lavoratori e (…) più nello specifico, di affrontare la precariaetà occupazionale dei lavoratori uberizzati”.

Più in generale, l’iniziativa dei cittadini europei (ICE) è prevista dal trattato di Lisbona come strumento di partecipazione politica dei cittadini europei. Una proposta viene portata all’attenzione  della Commissione da un comitato promotore e, se viene registrata, parte una raccolta firme che deve raggiungere 1 milione entro un anno dalla registrazione,  proveniente da almeno sette Paesi membri. Al termine della raccolta firme necessarie, la Commissione esaminerà la richiesta entro tre mesi. Essa potrà decidere di dare seguito o meno alla richiesta e, in entrambi i casi, dovrà giustificare la sua decisione.

Per approfondire: il testo della proposta, il comunicato stampa della Commissione

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here