Quanto pesa il nucleare nella produzione energetica dell’UE?

85

In questi ultimi mesi, tra i rincari dell’energia, le prospettive per la transizione verde, e la complessa questione “tassonomia”, si è tornati a parlare diffusamente di energia nucleare.

Ma quanto pesa, attualmente, il nucleare nella produzione energetica dei Paesi UE? 

Sono attualmente 13 i Paesi membri che fanno ricorso al nucleare per soddisfare il proprio fabbisogno energetico: Spagna, Francia, Belgio, Olanda, Svezia, Finlandia, Germania, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Slovenia, Romania e Bulgaria. 

I reattori attivi, ad inizio 2020, erano complessivamente 109, tre dei quali successivamente spenti nel corso dell’anno. 

Rispetto alla produzione complessiva di energia del continente, il nucleare copre una quota pari al 25%, con significative variazioni da Paese a Paese: preponderante in Francia (64%), Slovacchia (54%) e Ungheria (46%); più marginale in Romania (21%), Germania (11%) e Paesi Bassi (3%). 

Guardando alla sola energia prodotta da fonte nucleare, la Francia si conferma il principale produttore europeo (52% del totale), seguita dalla Germania (9%), dalla Spagna (9%) e dalla Svezia (7%).

Per approfondire: il comunicato di Eurostat

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here