Parlamento europeo: più attenzione alla discriminazione razzista

183

Nella sua seduta del 26 marzo scorso, il Parlamento europeo ha definito le linee guida volte a combattere la crescente  discriminazione nei confronti delle persone di origine africana che vivono in Europa. Si tratta di una risoluzione non legislativa che invita gli Stati membri e tutte le Istituzioni a riconoscere ed eliminare gli atteggiamenti razziali, in particolare  in settori quali istruzione, alloggi, sanità, giustizia penale, partecipazione politica e migrazione.

I Parlamentari europei hanno inoltre evocato le ingiustizie e i crimini  contro l’umanità perpetrati in passato in nome del colonialismo europeo e hanno suggerito di adottare alcune forme di risarcimento, come scusarsi pubblicamente o restituire i manufatti rubati. I danni generati in quel periodo hanno comportato profondi mutamenti all’interno delle società che, secondo i deputati, devono ottenere maggiore spazio nei libri di scuola.

La risoluzione del Parlamento fa inoltre riferimento ad una serie di dati che mettono in luce come gli oltre 15 milioni di afro-europei siano ancora oggi soggetti a stereotipi e comportamenti discriminatori. Uno dei valori più allarmanti è il grande divario di abbandono scolastico tra bambini bianchi e afro-europei.

Per approfondire: il comunicato del Parlamento europeo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here