La Commissione in prima linea per la lotta al Covid-19

29

La Commissione europea si sta impegnando a garantire l’accesso universale a test, cure e vaccini contro il coronavirus e per la ripresa globale.

L’istituzione europea, guidata dalla sua Presidente Ursula von der Leyen, ha recentemente firmato altri due contratti con case farmaceutiche per garantire l’accesso ad un potenziale vaccino e per la fornitura di remdesivir (un farmaco antivirale, comunemente chiamato Veklury). Per quanto riguarda lo sviluppo del vaccino, il contratto firmato dall’Unione con la Janssen Pharmaceutica NV si va ad aggiungere a quelli già in precedenza siglati con le società AstraZeneca e Sanofi-GSK. Il contratto permetterà agli Stati membri (che potranno anche decidere di donare il vaccino ai paesi a reddito medio-basso o di ridistribuirlo ad altri paesi europei) di acquistare dosi di vaccino per 200 milioni di persone, con la possibilità di ottenere dosi supplementari per altrettante persone. In cambio del diritto di acquistare le sopracitate dosi, quindi, la Commissione si impegna a finanziare una parte dei costi iniziali sostenuti dai produttori di vaccini attraverso accordi preliminari di acquisto.


Per quanto riguarda il remdesivir, la Commissione ha firmato con l’azienda farmaceutica Gilead un contratto di aggiudicazione congiunta per la fornitura del farmaco, fino a 500 000 cicli di trattamento e con la possibilità di aumentare tale fornitura. Il contratto di aggiudicazione congiunta è stato firmato da 36 paesi, tra cui tutti gli Stati dell’UE, e permetterà a tutti i paesi partecipanti di effettuare ordini per acquistare il farmaco direttamente.


Per saperne di più: i comunicati della Commissione sui contratti con le società farmaceutiche Janssen Pharmaceutica NV e Gilead

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here