La Commissione europea riferisce sui progressi nella lotta alla disinformazione

287

Una delle sfide odierne più importanti e difficili da perseguire  è la lotta alla disinformazione e alle cosiddette fake news. A tal scopo l’Unione Europea ha dato vita a un’azione coordinata nel pieno rispetto dei diritti fondamentali e dei valori europei. Dal 2015 ha infatti dato vita ad un piano d’azione volto a proteggere e denunciare le interferenze nei nostri processi democratici, con la prospettiva, in particolare, di proteggere le recenti elezioni europee.

Con la partecipazione di giornalisti, verificatori di fatti, piattaforme, autorità nazionali, ricercatori e rappresentanti della società civile, il piano si è concentrato su vari ambiti, fra cui  la creazione di una task force di comunicazione strategica e di un sistema di allarme rapido per facilitare lo scambio di informazioni tra gli Stati membri e le Istituzioni ; una collaborazione con le piattaforme online volta a una maggiore trasparenza nei confronti dei cittadini, in particolare concentrandosi sulle motivazioni di visualizzazioni di determinati messaggi pubblicitari ;  la creazione di una maggiore consapevolezza e alfabetizzazione digitale rivolta direttamente agli europei, per stimolare un maggiore interesse e attenzione alle informazioni false.

La Commissione europea ha inoltre riferito sui progressi compiuti nel quadro del codice di buone pratiche sulla disinformazione, firmato da Facebook, Google, Twitter, Mozilla e dalle associazioni di categoria che rappresentano le piattaforme online, l’industria della pubblicità e gli inserzionisti, confermando una tendenza positiva nella trasparenza dei messaggi pubblicitari di natura politica.

In conclusione, grazie a uno sforzo coeso di tutti gli Stati membri e della Commissione, è stato raggiunto un miglioramento della cooperazione contro la disinformazione. La Commissione sottolinea tuttavia che la strada è ancora lunga e c’è ancora molto lavoro da fare per proteggere le Istituzioni nazionali e europee.

La disinformazione è infatti un pericolo sempre presente e in rapido mutamento che richiede un  impegno politico costante da parte delle Istituzioni per garantire una risposta adeguata alle minacce che rappresenta.

Per saperne di più: il comunicato della Commissione

Chiara Miolano

Articolo precedentePiù democrazia nella nuova Europa
Articolo successivoIl Comitato delle regioni esprime la propria posizione sul futuro dell’UE

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here