È tempo di un Blue Deal Ue: il Comitato economico e sociale europeo lancia i lavori sull’acqua

177

Poiché la scarsità d’acqua e l’inquinamento continuano a porre sfide globali, l’attuale quadro politico dell’UE sembra insufficiente. Per affrontare questo problema, esperti idrici di alto livello si sono riuniti il 27 febbraio presso il Comitato economico e sociale europeo (CESE) per identificare le possibili soluzioni. L’audizione segna l’inizio dei lavori del CESE sull’acqua. Il Comitato sta preparando una serie di pareri d’iniziativa che esaminano gli aspetti economici, sociali, ambientali e geopolitici dell’acqua. In autunno, si condivideranno le raccomandazioni della società civile per il futuro dell’acqua nell’UE.

Nell’estate del 2022, siccità, incendi boschivi e inondazioni sono stati segnalati in tutto il continente, con l’anno che ha visto la siccità più grave in Europa in 500 anni. Sebbene il Green Deal dell’UE contenga una serie di proposte che affrontano questioni settoriali sull’acqua, questi obiettivi non sono ben integrati nelle politiche dell’UE. Considerando le sfide in gioco, è necessario un cambio di direzione per evitare gli errori commessi in precedenza con le politiche energetiche.

Il CESE spingerà per una strategia globale dell’UE in materia di acqua con una serie di pareri d’iniziativa comprendenti:

  • proposte sulla salvaguardia delle risorse idriche pulite;
  • valutare correttamente l’acqua a vantaggio dei cittadini, dell’industria e della società nel suo insieme;
  • anticipare e mitigare i possibili effetti negativi di conflitti internazionali causati da questioni legate all’acqua;
  • gestione sostenibile dell’acqua.

Per saperne di più: È tempo di un Blue Deal Ue: il Comitato economico e sociale europeo lancia i lavori sull’acqua

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here