Città e inclusione: la Commissione inaugura il mese europeo sull’inclusione e nomina le città vincitrici del premio “Capitali dell’inclusione e della diversità”

29

Il 28 aprile 2022 durante una cerimonia online tenutasi in occasione dell’inaugurazione del mese europeo della diversità, la Commissione europea ha annunciato le vincitrici del concorso a premio intitolato “Capitali europee dell’inclusione e della diversità”. Questa iniziativa proposta dalla Commissione per un’Unione dell’Uguaglianza europea rientra in un progetto più ampio intrapreso dall’UE per il periodo 2020-2025 contro il razzismo.
Una giuria di esperti ha assegnato un punteggio alle città europee sulla base di alcuni criteri come la natura, le iniziative promosse, il coinvolgimento dei cittadini e dei soggetti vittime di discriminazioni nelle politiche. Le città che si sono aggiudicate il premio grazie al loro impegno nel promuovere l’inclusione sociale sono appartenenti a cinque Stati membri quali: la Croazia, la Germania, la Romania, la Spagna e la Svezia.
Al primo posto nella categoria dedicata alla popolazione rom, vi è la regione spagnola dell’Andalusia che ha avviato il piano globale per l’inclusione della comunità rom. Il primo premio per la categoria “Amministrazioni locali con oltre 50.000 abitanti” è stato vinto dalla città tedesca di Colonia, grazie alla sua strategia per promuovere la diversità e l’inclusione; mentre il primo posto nella categoria “Amministrazioni locali con meno di 50.000 abitanti” è stato conferito alla città di Koprivnica in Croazia.
Il mese europeo della diversità è dedicato a sensibilizzare i cittadini, le organizzazioni e i governi rispetto al tema dell’inclusione. Inoltre durante questo mese vengono anche celebrati gli obbiettivi raggiunti dalle organizzazioni per contribuire alla creazione di luoghi di lavoro equi, inclusivi ed eterogenei, in termini di genere, origine razziale o etnica, religione o credo, disabilità, età, diritti LGBTQI e integrazione della popolazione rom.
L’unione europea è impegnata nel finanziare e promuovere iniziative finalizzate all’inclusione e alla lotta contro le discriminazioni e le disuguaglianze. Per il periodo 2021-2027 l’UE ha stanziato il più ingente fondo mai dedicato, per la tutela e la promozione dei diritti dell’ uguaglianza, e dei valori; il finanziamento ammonta a 1,55 miliardi di euro.

Per approfondire: il comunicato della Commissione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here