Bolkestein in commissione parlamentare

903

Il 22 novembre, alla commissione Mercato interno del Parlamento europeo, è stato il momento del voto sulla proposta di direttiva servizi (la Bolkestein così come modificata dalla Commissione europea). Le posizioni degli eurodeputati rimangono distanti sui due punti più controversi: il campo di applicazione della direttiva e il «principio del paese d’origine», che impone all’esportatore di servizi di rispettare solo la normativa del proprio Stato. Un’alleanza fra popolari e liberaldemocratici ha permesso, nonostante la contrarietà   di socialisti, verdi e sinistra unita, di inserire i servizi di interesse generale (SIG) nel campo di applicazione e di sostituire il principio del paese d’origine» con il «principio della libera prestazione di servizi». Questo continua a vincolare l’esportatore solo alla normativa del paese d’origine, ma permette al «paese di accoglienza» di prevedere delle esigenze specifiche per il mantenimento della sicurezza e della salute pubblica. Il prossimo passo è il voto in sessione plenaria, previsto per l’inizio del 2006, dove le alleanze fra gruppi politici potrebbero avere una configurazione diversa.
Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here