Venezuela, Nord Africa e Repubblica Democratica del Congo al centro dei nuovi aiuti UE

95

Proseguono gli impegni dell’Unione europea sul versante umanitario.

Nell’ambito della Conferenza internazionale dei donatori per in solidarietà con migranti e rifugiati venezuelani, promossa dal governo canadese in collaborazione con l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, l’Unione europea ha annunciato uno stanziamento di aiuti pari a 147 milioni di euro che andrà a sommarsi alle somme promesse dai singoli Paesi UE e ai 319 milioni di euro già stanziati dall’Unione a partire dal 2018. 

I fondi saranno destinati a finanziare progetti di assistenza ai cittadini venezuelani in patria e a quelli rifugiati nei Paesi limitrofi, ad iniziative finalizzate a facilitare l’integrazione di questi ultimi nelle comunità che li accolgono e a migliorare i processi di registrazione e gestione dei  flussi di rifugiati venezuelani. 

Uno stanziamento da 20 milioni di euro andrà invece a finanziare progetti di assistenza umanitaria in Nord Africa: 9 milioni di euro saranno destinati alle comunità di rifugiati Sahrawi in Algeria; 6 milioni di euro alle frange di popolazione più vulnerabili in Libia; 5 milioni di euro, infine, andranno a beneficio di rifugiati e richiedenti asilo in Egitto.

Infine, un terzo stanziamento da 20 milioni di euro consentirà di finanziare la realizzazione di una centrale elettrica da 15 Megawatt in Rwanguba, nella Repubblica Democratica del Congo, sostenendo il fragile Paese dell’Africa subsahariana nel processo di ricostruzione delle reti elettrica e idraulica, severamente compromesse a causa dell’eruzione del vulcano Nyiragongo avvenuta il 22 maggio scorso.

Per approfondire: la conferenza dei donatori per il Venezuela, gli aiuti in Nord Africa, l’accesso all’elettricità nella Repubblica Democratica del Congo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here