UE: affrontare le gravi disparità   tra le regioni

3942

All’indomani del recente allargamento dell’Unione europea e alla vigilia di uno nuovo, la politica della coesione ha il compito di ridurre le disparità   all’interno della nuova Europa. Il 10% della popolazione dell’UE a 27 vive nelle regioni più ricche e gode del 19% del PIL europeo, mentre un altro 10% vive nelle regioni più povere, con appena l’1,5% del PIL. In tre regioni dell’Europa a 25 (Inner London, Bruxelles Capitale e Lussemburgo) il PIL pro-capite supera di molto il doppio della media europea, mentre molte regioni di Romania e Bulgaria non raggiungono ancora il 25%. Queste disparità   si acutizzano se si passa ad esaminare la competitività  . Quasi la metà   della spesa in ricerca e sviluppo dell’Europa a 27 si concentra in appena 35 regioni, le uniche ad aver superato il tetto del 3% del PIL investito in ricerca, e tutte si concentrano nell’Europa a 15, mentre in 47 regioni l’investimento nel settore della ricerca non raggiunge nemmeno lo 0,5% del PIL

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here