Specializzazione intelligente: continua il supporto della Commissione alle regioni

467

La Commissione europea ha rinnovato per il prossimo biennio l’iniziativa “Scale di eccellenza” per rafforzare il potenziale di sviluppo delle regioni meno sviluppate e prepararle alle nuove opportunità che verranno offerte dalle risorse che il nuovo bilancio 2021-2027 destinerà alla ricerca e all’innovazione

Da quando la specializzazione intelligente è diventata un requisito chiave nel quadro delle disposizioni della politica di coesione, nel 2014 Commissione europea e Parlamento hanno lanciato l’iniziativa “Scala di eccellenza”, con l’obiettivo di supportare le regioni a rafforzare le proprie strategie di specializzazione intelligente in settori di nicchia che si potrebbero prospettare come settori fortemente competitivi.

Un primo importante passo in questa direzione è stato realizzato nel 2011 con la creazione della piattaforma “Smart Specialization” grazie alla quale le 170 regioni e 18 governi nazionali coinvolti possono conoscere e condividere pratiche di buono sviluppo, dati e iniziative in atto per incentivare l’innovazione strutturale.

L’obiettivo di questo strumento e di iniziative come “Orizzonte Europa“, nonché gli obiettivi della futura politica di coesione e della nuova agenda della Commissione per la ricerca e l’innovazione è quello di aiutare le regioni ad individuare i propri vantaggi competitivi, svilupparli così da implementare il tessuto economico e creare posti di lavoro.

Da qui al 2020, l’obiettivo condiviso è quello di creare un tessuto economico consapevole e solido, pronto per attuare politiche sempre più innovative con le risorse e le iniziative nel periodo post-2020.

Per questa ragione, per i prossimi due anni, il Centro di ricerca comune supporterà il progetto “Scala di eccellenza” attraverso quattro azioni chiave: l’aiuto qualificato di funzionari e commissari volto ad aiutare le regioni per individuare il proprio margine di miglioramento e a vagliare la qualità di alcuni parametri chiave per lo sviluppo; l’aiuto per intercettare ed usare i finanziamenti chiave per l’innovazione, come Orizzonte Europa, Europa Digitale, i fondi della politica di coesione; l’aiuto al superamento di ostacoli che impediscano le sinergie tra il mondo accademico ed imprenditoriale per  lo sviluppo di un tessuto economico e sociale innovativo; infine, verranno favoriti partnernariati e scambi di buone pratiche tra regioni.

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here