Si sta colmando il divario pensionistico di genere nell’Unione Europea?

49

Nel 2018, le donne dell’Unione Europea, di età superiore ai 65 anni, hanno ricevuto una pensione che era in media del 30% inferiore rispetto a quella degli uomini. Tuttavia, nel corso del tempo, il divario pensionistico di genere sta diminuendo ed è ora di 4 punti inferiore, paragonato al 2010.

Anche se le donne ricevono delle pensioni più basse in tutti gli Stati dell’Unione Europea, l’estensione del divario pensionistico varia ampiamente. La differenza più grande è stata osservata, ad esempio, in Lussemburgo, dove le donne hanno ricevuto il 43% di pensione in meno rispetto agli uomini. Paragonato al 2010, il divario pensionistico è diminuito nella maggioranza degli Stati membri dell’Unione Europea. Le diminuzioni più evidenti sono state osservate in Grecia (-12 punti percentuali), in Danimarca (- 11 punti percentuali), in Belgio e in Slovenia (entrambe -10 punti percentuali), così come in Francia (-9 punti percentuali).

Nel 2018, la proporzione di pensionati di età superiore ai 65 anni a rischio povertà nell’Unione Europea si attestava al 15% e un pensionato su sette, è oggi a rischio di povertà. A differenza del divario pensionistico, il tasso di rischio di povertà è aumentato gradualmente dal 2013. Nella maggior parte degli Stati dell’Unione europea, infatti, la proporzione dei pensionati di età superiore ai 65 anni, che sono considerati essere a rischio di povertà, si colloca tra il 10 e il 30%. I quattro Paesi con un tasso di rischio di povertà superiore al 30% sono stati l’Estonia (con il 54%), Lettonia (50%), Lituania (41%), Bulgaria (30%). Al contrario, i tassi più bassi nel 2018 sono stati registrati in Slovacchia (6%), in Francia (8%), in Grecia (9%), Danimarca, Lussemburgo, Ungheria (tutte al 10%).

Infine, nel complesso, in tutta l’Unione Europea, tra il 2010 e il 2018, la proporzione di pensionate donne, che sono considerate a rischio povertà, è stata di circa 3 – 4 punti percentuali più alta che per i pensionati maschi.

Per ulteriori informazioni: l’analisi sul portale Eurostat

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here