Selezionate le prime 50 imprese guidate da donne per promuovere l’innovazione in Europa 

60

L’1 marzo la Commissione Europea ha annunciato i risultati del primo invito nell’ambito del nuovo programma pilota Women TechEU, a sostegno delle start-up a elevatissimo contenuto tecnologico guidate da donne. 

Il programma affronta il divario di genere in materia di innovazione sostenendo le start-up guidate da donne nella fase iniziale e più rischiosa delle imprese: con questo sistema l’UE cerca di contribuire ad aumentarne il numero e a creare un ecosistema europeo a elevatissimo contenuto tecnologico più equo e prospero.

L’invito è finanziato nell’ambito del programma di lavoro sugli ecosistemi europei dell’innovazione di Orizzonte Europa, il programma di ricerca e innovazione dell’UE.

Le start-up a contenuto tecnologico avanzato tendono infatti ad avere cicli di ricerca e sviluppo più lunghi e spesso la loro costruzione richiede più tempo e capitale rispetto ad altre start-up: la maggior parte rischierebbe di fallire nei primi anni se non riceve tempestivamente sostegno e investimenti adeguati. Le donne che operano nel settore delle tecnologie avanzate si trovano spesso ad affrontare l’ulteriore ostacolo rappresentato dai pregiudizi e dagli stereotipi di genere, particolarmente diffusi nel settore.

Per ogni donna che non ha l’opportunità di avviare e guidare un’impresa tecnologica, l’Europa perde non solo talento e diversità, ma anche opportunità di crescita economica.

Nel 2021 il premio dell’UE per le donne innovatrici ha ricevuto un numero record di 264 candidature, il che indica il numero in rapida crescita di start-up guidate da donne in Europa. 

A seguito della valutazione da parte di esperti indipendenti, la Commissione sosterrà un primo gruppo di 50 imprese guidate da donne di 15 paesi diversi: oltre 40 di queste hanno sede negli Stati membri dell’UE, di cui un quinto in paesi interessati dall’ampliamento di Orizzonte Europa, mentre un 20 % circa in paesi associati a Orizzonte Europa.

Le imprese di cui si propone il finanziamento hanno sviluppato innovazioni all’avanguardia in una serie di settori – dalla diagnosi precoce e le cure oncologiche, alla riduzione dell’impatto negativo delle emissioni di metano – e affrontano obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS), come la lotta ai cambiamenti climatici, la riduzione degli sprechi alimentari, l’ampliamento dell’accesso all’istruzione e l’emancipazione femminile.

I progetti inizieranno nella primavera del 2022 e dovrebbero avere una durata compresa tra 6 e 12 mesi. Le donne coinvolte saranno iscritte al programma “Women Leadership” del Consiglio europeo per l’innovazione per attività di coaching e tutoraggio su misura.

Per approfondire: il comunicato della Commissione europea

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here