Seconda Conferenza a Bruxelles sulla Siria

562

Il 24/25 aprile 2018 si è tenuta, a Bruxelles, la seconda Conferenza,  sul tema “Un aiuto al futuro della Siria e della sua regione”, organizzata dall’Unione europea e dalle Nazioni Unite, con l’obiettivo di fare il punto sui contributi finanziari e umanitari della comunità internazionale in favore della Siria e dei Paesi della regione più colpiti dalla crisi siriana.

La Conferenza ha, in particolare, esaminato  il rapporto sul rispetto degli impegni finanziari presi nella prima Conferenza del 2017, nella quale era stata annunciata una somma di 6 miliardi di dollari per il 2017 e una cifra di 3,7 miliardi di dollari per il periodo 2018-2020. Infatti, solo l’inizio della ricostruzione economica e il ritorno di un minimo di benessere possono riportare la pace in un Paese in guerra da più di sette anni.

Il rapporto ha, in generale, valutato positivamente il rispetto degli impegni  presi dai donatori, sottolineando, in particolare, che per il 2017, gli impegni avevano superato del 26% la somma prevista. Ma, sottolinea ancora il rapporto, le esigenze e i bisogni sono enormi e invita la comunità internazionale a mantenere alti e costanti gli sforzi finanziari.

Al riguardo, altre istituzioni finanziarie internazionali e donatori da diverse parti del mondo hanno promesso  l’importante cifra di 30 miliardi di dollari in prestiti, sempre da destinare alle popolazioni di quell’ area e a Paesi quali Giordania, Libano, Turchia, Iraq ed Egitto. C’è da ricordare come soltanto la cooperazione concreta tra l’Unione Europea e le Nazioni Unite ha permesso di sbloccare questi aiuti internazionali e destinarli così direttamente a coloro che più ne hanno bisogno.

Per ulteriori approfondimenti: il financial tracking report

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here