Quanto spendono i Paesi UE per la difesa?

123
Guidano i Paesi ai confini con Russia e Turchia; Italia sopra la media UE

Quanto spendono per il comparto della difesa i Paesi dell’Unione europea?

Lo rivela una recente pubblicazione di eurostat, basata sui dati del 2019.

Complessivamente, gli stati UE hanno investito 168,5 miliardi di Euro nel corso dell’anno, pari al 2,6% della spesa pubblica totale e all’1,2% del Pil europeo. 

Guidano la classifica di spesa, collocandosi al di sopra del valore medio dell’1,2% in rapporto al Pil, i Paesi situati lungo le aree di confine con alcune delle potenze più “ingombranti” degli ultimi anni – Russia e Turchia. In vetta si colloca l’Estonia (2,1% in rapporto al Pil), in compagnia di Grecia (2%), Lettonia (1,9%), Cipro (1,8%), Lituania (1,6%) e Polonia (1,6%). 

Sopra la media europea si trovano anche Francia (1,7%) e Italia (1,3%) – militarmente presenti in diverse aree di crisi nel globo nel corso degli ultimi anni – e la Romania (1,7%).

Chiudono la classifica Austria (0,6%), Lussemburgo (0,4%) e Irlanda (0,2%).

Dal 2014, la quota di spesa per la difesa ha registrato un leggero aumento rispetto al totale della spesa pubblica complessiva, rimanendo tuttavia stabilmente attestata intorno all’1,2% del Pil europeo: un valore sensibilmente più basso rispetto a quella soglia del 2% invocata pochi anni orsono dall’allora Presidente americano Trump nei confronti membri dell’Alleanza Atlantica (NATO) per evitare che il peso della difesa del continente europeo ricada eccessivamente sugli Stati Uniti. 

Per approfondire: il comunicato di Eurostat

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here