Quanti Ucraini risiedevano in UE prima del conflitto?

68

Gli Ucraini rappresentavano, alla fine del 2020, il terzo maggiore gruppo di cittadini non Europei all’interno dell’UE, dopo Marocchini e Turchi, con circa 1.35 milioni di persone che possedevano un permesso di soggiorno in uno Stato membro. Mettendo a confronto tale cifra con la popolazione effettiva di ogni Stato, il più grande rapporto di cittadini ucraini con permesso di soggiorno era registrato in Repubblica Ceca (15 Ucraini ogni mille abitanti), seguito da Polonia (13), Lituania (11) ed Estonia (10), mentre il più basso era toccato in Romania (0.1), Francia (0.2), Irlanda e Olanda (0.4).

Nel 2020 sono stati rilasciati permessi di soggiorno per 601 240 Ucraini, di cui il 77% con una durata inferiore ai 12 mesi, mentre il 23% di almeno 12 mesi, secondo un trend che, osservando le statistiche del periodo 2013-2020, era in costante evoluzione prima di una brusca frenata dovuta alla pandemia di Covid-19. Tra 2013-2020 sono stati concessi quasi 4.3 milioni di permessi di soggiorno a cittadini ucraini, la cui grande stragrande maggioranza di una durata inferiore ai 12 mesi, in quanto assegnati per lavori stagionali o temporali.

Per approfondire: l’articolo di Eurostat

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here