Previsioni economiche d’autunno 2021: dalla ripresa all’espansione, con qualche turbolenza

55

La Commissione europea pubblica ogni anno due previsioni complessive (primavera e autunno) e due previsioni intermedie (inverno ed estate). Queste ultime riguardano i livelli annuali e trimestrali del PIL e dell’inflazione per l’anno in corso e quello successivo per tutti gli Stati membri, nonché i dati aggregati a livello della zona euro e dell’UE.

Gli andamenti dell’autunno 2021 mostrano che l’economia dell’UE si sta riprendendo più rapidamente del previsto in seguito alla recessione dovuta alla pandemia. Secondo le previsioni, l’economia dell’Unione continuerà a espandersi raggiungendo un tasso di crescita del 5 %, del 4,3 % e del 2,5 % rispettivamente nel 2021, 2022 e 2023. Tuttavia, queste prospettive dipendono da due fattori: l’evoluzione della pandemia di Covid-19 e il ritmo con cui l’offerta si adegua all’inversione della domanda a seguito della riapertura economica.

Il tasso di crescita del PIL nell’UE nel secondo trimestre del 2021 è stato il più elevato mai registrato. Infatti, l’economia dell’Unione ha recuperato il livello di produzione precedente la pandemia nel terzo trimestre del 2021, passando dalla ripresa all’espansione. Anche l’attuazione del dispositivo per la ripresa e la resilienza (RRF) sta svolgendo un ruolo importante nella promozione degli investimenti pubblici e privati. Lo slancio della crescita si trova però di fronte a nuove turbolenze, in particolare legate al settore manifatturiero e al repentino aumento dei prezzi dell’energia. Questi fattori sono destinati a pesare sui consumi e sugli investimenti.

I mercati del lavoro dell’Unione sono in continuo miglioramento. Nel secondo semestre di quest’anno molti lavoratori sono usciti dai regimi di mantenimento dell’occupazione e il tasso di disoccupazione è calato, ma il numero totale di occupati nell’UE era ancora inferiore dell’1 % rispetto al livello precedente la pandemia. Da allora la disoccupazione è ulteriormente diminuita. Secondo le previsioni l’occupazione supererà il livello pre-crisi nel prossimo anno e passerà alla fase di espansione nel 2023. La disoccupazione scenderà dal 7,1 % di quest’anno al 6,7 % nel 2022 e al 6,5 % nel 2023.

Il miglioramento delle prospettive di crescita per il 2021 indica disavanzi inferiori a quanto previsto in primavera. Il disavanzo aggregato nell’UE dovrebbe ridursi marginalmente al 6,6 % nel 2021 e, secondo le previsioni, si dimezzerà a circa il 3,6 % del PIL nel 2022, per poi scendere ulteriormente nel 2023. Dopo aver raggiunto circa il 92 % nell’UE, il rapporto debito/PIL aggregato è dovrebbe stabilizzarsi quest’anno e iniziare a diminuire nel 2022, raggiungendo l’89 % del PIL nel 2023.

Dopo diversi anni di bassa inflazione, la forte ripresa dell’attività economica è stata accompagnata da una crescita dell’inflazione superiore alle previsioni. Questo aumento significativo è principalmente legato all’impennata dei prezzi dell’energia, ma anche ad una serie di aggiustamenti economici post-pandemia – il che indica che gli attuali livelli elevati sono in larga misura transitori. Per l’UE le previsioni indicano un’inflazione al 2,6 % nel 2021, al 2,5 % nel 2022 e all’1,6 % nel 2023.

I rischi sulle prospettive di crescita

Sebbene l’impatto dell’emergenza sanitaria sull’attività economica si sia notevolmente ridotto, la ripresa dipende fortemente dall’evoluzione della pandemia, sia all’interno che all’esterno dei confini dell’UE. Alla luce della recente impennata dei casi, non si può escludere la reintroduzione di restrizioni che incidono sull’attività economica.

Il principale rischio è connesso ai progressi duraturi nella produttività innescati dai cambiamenti strutturali indotti dalla pandemia. Nel complesso, il bilancio dei rischi relativi a queste previsioni punta verso il basso. L’inflazione potrebbe essere più elevata del previsto se i limiti nell’offerta sono più persistenti e se gli aumenti salariali superiori alla produttività si ripercuotono sui prezzi al consumo.

Per ulteriori informazioni: Previsioni economiche d’autunno 2021; Previsioni economiche per la ripresa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here