L’Ue per la protezione degli oceani e la creazione di aree protette nell’Antartide

66

Il 28 aprile scorso, il Commissario europeo per l’ambiente, gli oceani e la pesca Virginijus Sinkevičius ha organizzato un incontro ministeriale per sollecitare sostegno e cooperazione fra i membri della Commissione per la conservazione delle risorse biologiche marine dell’Antartide (CCAMLR).

L’obiettivo era quello di definire nuove Aree marine protette (AMP) nell’Oceano Antartico, in particolare nell’Antartide Orientale e nel Mare di Weddel. L’incontro è stato fondamentale per elaborare una strategia congiunta di lavoro che rientrasse negli scopi del Green Deal europeo.

La Convenzione per la protezione delle risorse biologiche marine in Antartide è stata stabilita da una convenzione internazionale nel 1982 per la conservazione della fauna marina e nasce in risposta all’aumento della caccia ai krill nell’Antartide Orientale, con serie conseguenze per il resto della fauna marina. Le proposte riguardo alle nuove Aree marine protette sono basate su studi scientifici portati avanti dal Comitato per la protezione delle risorse marine viventi in Antartide, e, se approvate, le aree protette corrisponderanno a una superficie di 3 milioni di km2.

La Nuova Zelanda e gli USA hanno annunciato una cooperazione con l’Unione Europea per l’iniziativa, i due stati si aggiungono ad altri partner quali Australia, Norvegia, Regno Unito e Uruguay. I partecipanti hanno inoltre mostrato il loro supporto per la proposta di Argentina e Cile per la creazione di un’Area marina protetta nella Penisola Antartica Occidentale. La creazione di nuove aree marine protette è una delle principali priorità dell’Europa e rientra negli obiettivi della Strategia europea per la biodiversità 2030, adottata lo scorso maggio, che fissa una soglia minima del 30% di protezione dei mari europei. Inoltre il progetto rientra negli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e nelle finalità della Convenzione sulla Biodiversità Biologica.  

Per saperne di più: il comunicato della Commissione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here