L’Europa del buonsenso

543

“Andare CONTROMANO è rischioso, ma si vede la gente in faccia”

C’era una volta l’“Europa dei mercati”, poi quella dei “banchieri”, per qualcuno che ci credeva anche l’”Europa dei cittadini” e l’”Europa delle regioni”, e via seguitando.

Adesso, grazie alla Lega – che non ringrazieremo mai abbastanza per gli stimoli che ci offre – potrebbe esserci anche l’”Europa del buonsenso”: sarebbe una buona notizia, se non fosse per due ragioni.

La prima, che ci ricorda il grande Cartesio delle “idee chiare e distinte”: “il buon senso è la cosa meglio distribuita del mondo poiché ciascuno pensa di esserne così ben provvisto che anche coloro che più difficilmente si accontentano di ogni altra cosa non sogliono desiderarne più di quel che ne hanno”. E tanto basti per preoccuparci.

La seconda ragione si riferisce ai clienti di questa sedicente “Europa del buonsenso”: una squadra ancora nebulosa, la cui sola caratteristica chiara sembra essere quella di gareggiare a spostarsi a più a destra possibile nel futuro Parlamento europeo, sotto la guida del (vice)Primo ministro dell’attuale governo italiano, il ministro innamorato delle armi, molto meno dei migranti cui chiude i porti di possibile approdo.

Dove sia il buon senso in tutto questo difficile dire, salvo per un aspetto: sembra che il suddetto ministro voglia ricandidarsi a Strasburgo. Magari potrebbe essere la volta buona che, dopo tante assenze nel corso delle legislature precedenti, in Parlamento ci vada davvero. Saremo anche tutti più tranquilli noi in Italia.    

1 COMMENTO

  1. Carissimo Franco, come al solito con la chiusura del tuo articolo mi hai fatto fare una gran risata. Certo che sarebbe un bel regalo per gli italiani una soluzione del genere, anche se be difficile dal realizzarsi. Grazie, in ogni caso, degli aggiornamenti che dai a tutti anche con il dono di un sorriso. Con l’occasione invio a te, alla tua famiglia ed ai tuoi collaboratori gli auguri più vivi per una Santa Pasqua. Michele Longobardi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here