L’appello dei sociologi e del mondo accademico per il futuro del lavoro

86

Più di 3000 sociologi e rappresentanti del mondo accademico, provenienti da 23 Paesi e da più di 600 Istituti, lanciano un appello comune per il futuro del mondo del lavoro. Tre le parole chiave : democratizzazione, de-mercificazione e risanamento ambientale. 

Il testo dell’appello inizia con questa introduzione :

“Chi lavora è molto di più che una semplice risorsa. Questa è una delle lezioni principali che dobbiamo imparare dalla crisi in corso. Curare i malati; fare consegne di cibo, medicine e altri beni essenziali; smaltire i rifiuti; riempire gli scaffali e far funzionare le casse dei supermercati: le persone che hanno reso possibile continuare con la vita durante la pandemia di COVID-19 sono la prova vivente che il lavoro non può essere ridotto a una mera merce. La salute delle persone e la cura di chi è più vulnerabile non possono essere governati unicamente dalle leggi di mercato. Se affidiamo questi compiti esclusivamente al mercato, corriamo il rischio di esacerbare le diseguaglianze e di mettere a repentaglio le vite delle persone più svantaggiate. Come evitare che succeda questo? Implicando chi lavora nelle decisioni relative alle loro vite e al loro futuro nel luogo di lavoro. Democratizzando le imprese. De-mercificando il lavoro. Garantendo a tutti un impiego utile. Dinanzi al rischio spaventoso della pandemia e del collasso ambientale, optare per questi cambiamenti strategici ci permetterebbe non solo di assicurare la dignità di tutti i cittadini ma anche di riunire le forze collettive necessarie per poter preservare la vita sul nostro pianeta.(…)”

Il testo completo dell’appello è disponibile qui.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here