La libertà di stampa e di espressione, due diritti inalienabili delle democrazie europee.

390

Il 3 maggio 2018 si è celebrata la giornata mondiale della libertà di stampa, istituita nel 1993 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, su proposta dell’U.N.E.S.C.O., per ricordare a tutti i cittadini del mondo l’importanza della libertà di stampa e del pluralismo dei media nelle nostre democrazie.
I recenti attacchi ai media, scatenati dall’eccessivo ricorso alle fake news sui social network, costituiscono dei veri e propri attentati al diritto ad un’informazione sicura e veritiera, cui tutti i cittadini europei dovrebbero poter accedere.
Così si è espressa Federica Mogherini, l’alto rappresentante per la politica estera dell’U.E.: “invitiamo tutti gli Stati membri a condannare le violenze dirette contro i giornalisti, a intervenire per migliorare la loro sicurezza. L’Unione europea ha alla base della sua legislazione i valori della democrazia, dei diritti umani e dello Stato di diritto nonché la libertà e il pluralismo dei media, sanciti nella Carta dei diritti fondamentali dell’UE. Pertanto, la libertà di stampa svolge un ruolo fondamentale nella promozione del buon governo, della trasparenza e della responsabilità. ”
“Il rispetto della libertà di espressione è poi integrato in tutte le politiche dell’UE e in tutti i suoi programmi di sviluppo. La legislazione, le politiche e gli strumenti dell’UE sono stati elaborati per rafforzare la libertà dei media in tutta l’Unione e per migliorare la trasparenza, la credibilità e la diversità delle informazioni online. – continua la Mogherini – Per questi motivi, condanneremo sistematicamente le violenze contro i giornalisti e ci opporremo – sia nei contatti bilaterali con i paesi terzi sia nelle sedi multilaterali e regionali – a tutte le leggi, normative o pressioni politiche, che limitano la libertà di espressione e adotteremo misure concrete per prevenire e rispondere agli attacchi contro giornalisti e blogger, tra cui l’assistenza emergenziale volta a proteggere i difensori dei diritti umani esposti a grandi rischi, a volte tramite una nuova sistemazione.”
La Signora Mogherini ha inoltre ribadito “il forte impegno dell’’UE nella protezione e nella promozione dell’esercizio della libertà di opinione e di espressione da parte di tutti e ovunque, in base ai principi di uguaglianza, non discriminazione e universalità, attraverso ogni mezzo, entro e oltre le nostre frontiere”.
Viene così riaffermata con forza la tutela al diritto all’informazione, un diritto che oggi, in seguito agli attacchi subiti dalle nostre stesse democrazie, non è più considerato intangibile.

 

Per ulteriori approfondimenti: il comunicato stampa

LASCIA UN COMMENTO