“La grande bugia delle navi taxi”. Conferenza stampa in Senato

841

Poco visibile sui media, la Conferenza si è svolta il 5 maggio scorso presso la sala “Caduti di Nassyria”. Ad organizzarla il senatore Luigi Manconi, presidente della Commissione diritti umani dell’Assemblea di Palazzo Madama.

Manconi ha voluto accanto a sé Emma Bonino, già ministro degli Esteri e commissario europeo e ha coinvolto alcuni parlamentari (Silvana Amati, Federico Fornaro, Lucio Romano, Sandra Zampa, Linda Lanzillotta) ma ha anche voluto dare la parola alle molte ONG che salvano vite e recuperano corpi nel Mediterraneo.

Mentre le riflessioni di Manconi e Bonino hanno avuto per oggetto il clima diffuso di «odio e sospetto» o di «discredito» che colpisce le ONG e che è alimentato da certe dichiarazioni basate su sospetti prima ancora che sui fatti, le riflessioni degli altri partecipanti hanno avuto il valore della testimonianza e della proposta.

Così, ad esempio Loris De Filippi, presidente di Medici senza frontiere Italia, ha ricordato che proprio ieri nel porto di Catania ha attraccato un’imbarcazione con a bordo sei cadaveri «Nessun superstite» ha detto De Filippi, a dimostrare che il fattore di attrazione (Pull Factor) non è rappresentato dalle ONG ma dalle condizioni di grande instabilità dei Paesi di provenienza (Africa Sub-sahariana).

Il tema della responsabilità è stato invece presente nelle parole di Riccardo Gatti (capomissione per l’Italia di Proattiva Open Arm) «Siamo arrivati nel Mediterraneo perché c’era bisogno di noi e la Guardia Costiera non ce la faceva» e di Raffaella Milano (direttore dei programmi Italia Europa Save The Children) «Ben vengano le indagini e la trasparenza, non ci sono zone franche, ma questo non significhi alimentare un clima di sospetto indifferenziato su un’attività indispensabile” come il soccorso in mare».

È infine toccato a Don Francesco Soddu, direttore di Caritas Italiana, mettere a tema un’altra questione-chiave: le vie legali di accesso e la costruzione dei corridoi umanitari sui quali si sta impegnando la stessa Caritas.

Una scelta, ha detto Soddu, che vuole essere «un messaggio politico a chi è troppo timido nel fare scelte coraggiose e necessarie in un periodo nel quale le migrazioni costituiscono non un accidente storico ma un fenomeno strutturale sul quale porre adeguate attenzioni».

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here