La Commissione Europea sollecita l’Italia per restrizioni sulle prestazioni familiari

70

La Commissione Europea ha intensificato la pressione sull’Italia inviando un parere motivato, sottolineando il presunto mancato rispetto delle normative dell’UE sul coordinamento della sicurezza sociale e la libera circolazione dei lavoratori. La controversia riguarda l’introduzione, nel marzo 2022, dell'”assegno unico e universale per i figli a carico” da parte dell’Italia.

Attualmente, solo coloro che risiedono nel paese per almeno 2 anni possono richiedere tale prestazione, a condizione che vivano nello stesso nucleo familiare dei figli. Secondo la Commissione, questa restrizione viola il principio di parità tra i cittadini dell’UE e costituisce un caso di discriminazione. Il regolamento sul coordinamento della sicurezza sociale dell’UE vieta specificamente qualsiasi requisito di residenza per ottenere prestazioni come gli assegni familiari. Questo parere motivato è stato preceduto da una lettera di costituzione in mora inviata all’Italia a febbraio 2023, seguita da una risposta italiana a giugno 2023 che, secondo la Commissione, non ha affrontato adeguatamente le preoccupazioni sollevate.

All’Italia è stato concesso un periodo di 2 mesi per rispondere al parere motivato e prendere le necessarie misure correttive. Qualora non vengano intraprese azioni correttive entro tale periodo, la Commissione potrebbe decidere di deferire il caso alla Corte di giustizia dell’UE.

Per maggiori informazioni: Pacchetto infrazioni di novembre decisioni principali; regolamento (CE) 2004/883; regolamento (UE) n. 492/2011;  articolo 45 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here