Indice di competitività regionale: pubblicata l’edizione 2022

416

Alcuni miglioramenti ma il divario resta alto; male le regioni italiane

La Commissione europea ha recentemente pubblicato l’edizione 2022 dell’Indice di competitività regionale (RCI), il rapporto contenente 68 indicatori mediante i quali si misurano i livelli di competitività complessiva delle diverse regioni dei Paesi Ue.

Stando all’ultimo RCI, persistono tuttora notevoli differenze tra le diverse regioni UE ma si registrano complessivamente diversi miglioramenti tra quelle meno sviluppate.

In cima alla classifica complessiva si trovano le regioni di Utrecht e Zuid-Holland, nei Paesi Bassi, e l’Île-de-France (Francia).

In queste regioni non solo il Pil pro capite è più elevato ma si registrano risultati migliori anche per quanto concerne i divari di genere e le pari opportunità, la minore presenza di NEET e l’attrattività nei confronti dei giovani neolaureati. 

Le regioni che presentano risultati peggiori sono concentrate in particolar modo nell’UE orientale. Molte di queste hanno recuperato terreno negli ultimi anni ma alcune, in particolar modo in Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia e Bulgaria, hanno perso ulteriore terreno rispetto alla media UE. 

Analogo processo si registra anche per la maggior parte delle regioni di Cipro e – ahinoi – Italia. Nel nostro Paese, solo la Lombardia si attesta leggermente al di sopra della media UE; tutte le altre regioni si mantengono al di sotto, compreso il Piemonte (punteggio: 90 – media UE: 100); fanalino di coda la Calabria (punteggio: 58,9).

L’Italia si conferma, inoltre, uno dei soli tre Stati – insieme a Germania e Paesi Bassi, nei quali la regione della capitale non è più competitiva rispetto alle altre.

La riduzione dei divari nello sviluppo tra le diverse regioni è un obiettivo che l’UE persegue attraverso la Politica di Coesione, per la quale, nell’ambito del QFP 21-27, sono stati stanziati 392 miliardi di euro.

Per approfondire: il comunicato della Commissione europea, l’indice di competitività regionale

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here