Il CESE chiede riforme delle regole di bilancio europee

30

Il Comitato economico e sociale europeo (CESE) sollecita una revisione delle regole di bilancio europee per una ripresa post-pandemica sostenibile e una transizione giusta.

In un parere di iniziativa adottato nella scorsa sessione plenaria di ottobre, il CESE invita la Commissione europea a rivedere al più presto il quadro di governance economica dell’UE. Il parere, oltre a chiedere alla Commissione di presentare orientamenti per un periodo di transizione, propone un quadro di bilancio volto a rafforzare gli investimenti pubblici, ad aumentare il margine di manovra ciclico e a consentire una maggiore flessibilità e differenziazione per paese per quanto riguarda i percorsi di aggiustamento del debito, garantendo sempre la sostenibilità di bilancio. Tale revisione, sottolinea il CESE, è necessaria non solo ai fini di una stabilizzazione dell’economia nel breve e medio termine, ma anche al finanziamento di una transizione verde e digitale dell’economia europea, che garantisca occupazione e inclusione.

In particolare, la principale proposta del CESE per la revisione del quadro di bilancio è quella di introdurre una regola aurea per gli investimenti pubblici, abbinandola ad una regola di spesa. In tale contesto, il CESE esprime apprezzamento per la proposta del Comitato consultivo europeo per le finanze pubbliche (CCEFP) del 2020 di introdurre elementi specifici per paese in un quadro di bilancio semplificato, in particolare il suggerimento relativo alla differenziazione dei percorsi di
aggiustamento di bilancio negli Stati membri pur mantenendo la sostenibilità del debito.

Inoltre, sia i parlamenti nazionali che il Parlamento europeo dovrebbero avere un ruolo di primo piano nel futuro quadro di governance economica dell’UE. Infine, sarà importante seguire il principio del partenariato per coinvolgere efficacemente la società civile.

Per saperne di più: il comunicato del CESE

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here