Galileo: in orbita due nuovi satelliti

1121

Galileo, il programma UE di navigazione satellitare, ha appena messo in orbita due nuovi satelliti. Il lancio ha avuto luogo il 27 marzo dallo spazioporto europeo vicino a  Kourou nella Guinea Francese. I primi segnali hanno confermato che i due satelliti sono stati posizionati come previsto.

Galileo è il programma dell’Unione europea nato per sviluppare un sistema di navigazione satellitare globale sotto controllo civile europeo. La rete di satelliti sarà compatibile e, per alcuni dei suoi servizi, interoperabile con sistemi simili già esistenti, ma sarà gestito autonomamente dall’UE.

I servizi di navigazione satellitare sono diventati indispensabili nella nostra vita quotidiana.Il migliore posizionamento e la sincronizzazione dei dati forniti da Galileo garantiranno un miglioramento dei servizi in Europa. Galileo permetterà, infatti, a tutti i dispositivi di navigazione satellitare di avere una maggiore precisione, aumentando in questo modo anche la sicurezza dei sistemi di trasporto ferroviari e su strada fornendo indicazioni più precise ai soccorritori nelle situazioni d’emergenza.

Con la costruzione e il funzionamento di Galileo, l’UE sta investendo in un settore molto importante per l’economia europea. A oggi, più di 50 000 posti di lavoro altamente qualificati in Europa sono legati al settore della navigazione satellitare e di più di 300 aziende europee sono coinvolte nello sviluppo di applicazioni di navigazione satellitare nel trasporto, nel rilevamento d’alta precisione, nei servizi location-based e nei servizi di emergenza.

Il prossimo lancio dei satelliti Galileo è previsto per settembre 2015. La Commissione intende garantire la fornitura dei servizi iniziali Galileo entro il 2016 e di servizi completi nel 2020, anno in cui tutti e 30 i satelliti e le relative stazioni terresti di supporto saranno terminate.

Approfondimento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here