Forti differenze di PIL pro capite tra i Paesi dell’UE

1620

Tra gli Stati membri dell’UE persistono forti differenze economiche, dal momento che il Prodotto Interno Lordo (PIL) pro capite espresso in standard di potere d’acquisto (Purchasing Power Standards – PPS) varia dal 41% al 268% della media UE.
àˆ quanto emerge da uno studio pubblicato da Eurostat, secondo cui è il Lussemburgo a registrare il più elevato PIL pro capite tra i Paesi dell’UE e la Bulgaria il più basso, mentre tra i Paesi europei non UE (Paesi candidati, membri EFTA e Paesi dei Balcani occidentali) il PIL pro capite risulta essere particolarmente elevato in Norvegia e molto basso in Albania.
Secondo l’analisi dell’Ufficio statistico europeo, Finlandia, Francia, Spagna, Italia, Cipro e Grecia presentano scarti contenuti entro il 10% rispetto alla media dell’UE. Irlanda, Paesi Bassi, Austria, Svezia, Danimarca, Regno Unito, Germania e Belgio fanno invece registrare PIL pro capite superiori alla media UE del 15-35%, con il Lussemburgo nettamente al primo posto e un PIL pro capite più che doppio rispetto al secondo Paese classificato, anche se al PIL lussemburghese contribuiscono in modo rilevante i lavoratori transfrontalieri che non sono perಠconteggiati nella spartizione del Prodotto nazionale.
Sull’altro fronte, Slovenia, Repubblica Ceca, Malta, Portogallo e Slovacchia presentano valori di PIL pro capite inferiori alla media UE del 10-30%, Ungheria, Estonia, Polonia e Lituania valori inferiori del 30-50% e Lettonia, Romania e Bulgaria valori inferiori del 50-60%.

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here