Diritti umani: la situazione dell’Ungheria preoccupa il Parlamento

Nel quadro delle azioni di monitoraggio dei diritti umani che competono all’Unione Europea, la commissione parlamentare Libertà Civili, Giustizia e Affari Interni (LIBE) ha tenuto un’audizione pubblica riguardante la situazione dei diritti umani in Ungheria, alla presenza di ONG, organizzazioni internazionali e del governo ungherese.

Claude Morales, presidente della Commissione LIBE, ha evidenziato come il Parlamento Europeo debba «fare uno sforzo per garantire che i diritti fondamentali siano rispettati negli Stati membri».

Veronika Mora, direttrice della ONG ungherese Ökotárs Alapítvány, ha affermato che, nel caso si esprimesse, il governo del Paese procederebbe ad intimidazioni, come già avvenuto nello scorso settembre.

Zoltán Kovács, portavoce del governo di Budapest, ha detto che avere un contenzioso con una ONG non equivale ad una generale minaccia con l’intero settore. Inoltre, ha ricordato come l’Ungheria abbia risolto le questioni riguardanti la legge sui media o le modifiche costituzionali.

Attila Mong, direttore del portale di giornalismo investigativo Atlatszo.hu ha avvertito che «l’emittente pubblica distribuisce la propaganda del governo» e che «i giornalisti stanno vivendo una pressione politica. Tutto questo minaccia la libertà di stampa e il pluralismo».

In conclusione dell’incontro, gli esperti di Amnesty International e del Consiglio d’Europa hanno ribadito che l’Unione Europea dovrebbe assicurare che i diritti fondamentali siano rispettati in tutti gli Stati membri.

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here