Dagli USA ci separa ancora un oceano

1398

C’era molta attesa la settimana scorsa per il voto del Parlamento europeo sul negoziato in corso del TTIP (TransatlanticTrade and Investement Partnership), l’Accordo commerciale transatlantico destinato a creare un mercato unico tra USA e UE.

All’ultimo momento non se n’è fatto niente, troppi gli emendamenti proposti alla sessione plenaria di Strasburgo, troppo grandi le distanze tra i diversi Gruppi politici, compreso tra popolari e socialisti, vincolati dal perenne tentativo di confermare il loro “condominio” al Parlamento europeo. Pesavano soprattutto le divisioni all’interno del Partito socialista europeo, diviso sul negoziato tra favorevoli critici e oppositori ancora incerti. Così la presidenza del Parlamento, prendendo spunto dai molti emendamenti destinati al voto, ha deciso di rinviare l’argomento a una prossima sessione, forse già a luglio, nella speranza di qualche compromesso in più.

La strada del negoziato resta tutta in salita: cresce l’opposizione di molti movimenti della società civile, sulle due sponde dell’Atlantico e mantengono una posizione fortemente critica sindacati e chiese, preoccupate per l’abbassamento degli standard sociali, delle garanzie sanitarie, delle regole ambientali e, in una parola, per il logoramento del modello sociale e culturale europeo, non ancora del tutto vittima delle priorità dell’economia e del commercio.

Una preoccupazione che si estende anche al tramonto degli accordi multilaterali globali, con il rischio di accrescere conflitti tra le diverse aree economiche, per alcuni fino a minacciare la pace.

La sostanza del negoziato verte sulla creazione di un unico mercato di libero scambio USA-UE, con la soppressione di barriere non solo tariffarie, ma anche relative a differenze nei regolamenti tecnici, nelle norme e procedure di omologazione. Come sempre in questi accordi detti di “partenariato” è probabile che ne esca vincente il partner più forte, in questo caso gli USA, riportando il dollaro al centro della politica monetaria e inducendo nelle politiche sociali e ambientali un movimento verso il basso per allineare standard europei e americani.

Sono cresciute col tempo, insieme con le critiche dei partiti progressisti europei e americani, le mobilitazioni della società civile, ma ancora troppo scarsa è l’attenzione dell’opinione pubblica, alimentata da media prevalentemente orientati in favore di un’opzione libero-scambista, per non parlare delle multinazionali e delle molte lobbies a loro servizio.

Agli occhi dei movimenti della società civile europea e americana hanno inciso molto negativamente le condizioni di semi-clandestinità in cui si sono svolti i negoziati, inizialmente tenuti nascosti, dalla precedente Commissione europea, anche al Parlamento europeo e solo recentemente resi parzialmente pubblici. Una scelta che ha irritato l’Assemblea di Strasburgo e che potrebbe incidere sulla ratifica finale, rispetto alla quale il pronunciamento parlamentare è vincolante.

Nel frattempo si è registrato a Washington il rifiuto di molti democratici di seguire Obama verso l’adozione di un Accordo simile per l’area del Pacifico, un accordo sostenuto invece dai conservatori: un messaggio chiaro anche per le forze del progresso in Europa.

C’è ancora un po’ di tempo perché i cittadini europei facciano sentire la propria voce e perché l’oceano che ci separa, non solo geograficamente, ci serva di protezione o che, almeno, non sia il luogo dove rischia di affondare quello che resta della cultura e del modello sociale europeo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here