Cultura e sviluppo sostenibile: raccomandazioni per sfruttarne il potenziale

48

In vista della conferenza mondiale dell’UNESCO sulle politiche culturali e lo sviluppo sostenibile, MONDIACULT 2022, tenutasi in Messico dal 28 al 30 settembre 2022, è stata pubblicata la relazione “Tempi drammatici. Natura ed esseri umani: il coraggio culturale di cambiare”, che si concentra sul ruolo della cultura quale fattore trainante per il conseguimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile in diversi settori strategici europei. Con il sostegno della Commissione, gli esperti hanno formulato una serie di raccomandazioni volte a ripensare il rapporto tra esseri umani e natura per un futuro vivibile e sostenibile.

Tra le proposte della relazione figura, ad esempio, maggiore sensibilizzazione a proposito del Earth Overshoot Day(Giornata del debito ecologico), la giornata in cui ogni anno il fabbisogno di risorse naturali dell’umanità supera la capacità della Terra di rinnovarle. La relazione raccomanda anche che il settore culturale diventi più verde ed equo, ponendo al centro la democrazia, i diritti umani e la libertà artistica.

Nel 2015 l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile ha confermato che la cultura e le politiche culturali costituiscono un elemento cruciale per realizzare almeno 9 dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile. Il Consiglio dell’UE ha compiuto un passo importante nel maggio 2020 aggiungendo la priorità “cultura quale fattore trainante dello sviluppo sostenibile” al suo piano di lavoro per la cultura 2019-2022.

Mariya Gabriel, Commissaria per l’Innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e i giovani, ha dichiarato: “La cultura costituisce la base delle nostre società. È il catalizzatore che ci aiuta a mettere in discussione il nostro stile di vita e ad avviare i cambiamenti cui vogliamo assistere.”

Per approfondire: https://ec.europa.eu/commission/presscorner/detail/it/ip_22_5726

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here