Un mondo che dialoga e si divide

136

Il mese di dicembre è stato ricco di incontri fra grandi e meno grandi della Terra, a volte alla ricerca di dialogo per allentare pericolose tensioni militari, a volte per mandare messaggi d’allerta su linee rosse da non superare e a volte per creare alleanze e cooperazioni in un mondo che tende a competere sempre più duramente.

Attori principali di questo rincorrersi di incontri/scontri sono sempre gli Stati Uniti, la Russia e la Cina, con le loro priorità geopolitiche, di supremazia economica e, sullo sfondo, di divisione fra “democrazie” e “autocrazie”.

Importante, per cominciare, l’atteso dialogo virtuale fra Joe Biden e Vladimir Putin il 7 dicembre scorso : tema principale l’Ucraina, quella terra di mezzo fra Occidente e Russia che Putin minaccia di invadere, facendo pressione militare sulle frontiere orientali del Paese e a fianco dei separatisti del Donbass. Non è il primo incontro dei due Presidenti, cosa che lascia sperare nel ruolo della  diplomazia, ma certo è che la posta in gioco è molto alta: la stabilità e la pace alle frontiere orientali dell’Europa, l’integrità territoriale dell’Ucraina, la sicurezza regionale, il ruolo e la strategia della NATO nei suoi allargamenti ad Est e verso il confine russo, il rinnovato ruolo della Russia sullo scacchiere internazionale.  Biden non ha esitato a minacciare pesanti sanzioni economiche nei confronti della Russia nel caso in cui quest’ultima varcasse il confine ucraino, segnale di un nuovo confronto dall’antico sapore di guerra fredda. E questo sotto gli occhi di un’Europa senza voce e sotto lo sguardo, distante ma non troppo, di una Cina ai ferri corti con gli Stati Uniti.

Due giorni dopo il colloquio tra Biden e Putin, si è aperto, sempre in modo virtuale, il Vertice voluto dal Presidente degli Stati Uniti sul rafforzamento della democrazia nel mondo. Promessa elettorale mantenuta, ma promessa che ha sollevato non pochi interrogativi, a partire dalla scelta fatta dalla stessa amministrazione democratica americana sui Paesi meritevoli di sedere al tavolo delle discussioni. Scelte che, a partire da Paesi che in fatto di democrazia lasciano alquanto a desiderare, sembravano rispondere a logiche di puri interessi  geopolitici da parte degli Stati Uniti, a partire dai messaggi che questo Vertice voleva lanciare alla Russia e alla Cina, non solo in termini di rispetto dei diritti dell’uomo ma, soprattutto nei confronti di Pechino, anche di competizione commerciale e di rapporti con Taiwan, oggi sul filo del rasoio e terreno di scontro fra le due superpotenze. 

La democrazia è una cosa importante, delicata e che necessita costante impegno politico per la sua protezione e salvaguardia. Molti gli studi e le ricerche che indicano declino e fragilità della democrazia e, al riguardo,  ne sanno qualcosa in quest’ultimo periodo anche gli Stati Uniti, dove i campanelli d’allarme non mancano di suonare. Interroga quindi lo strumento di tracciare una linea  di contrapposizione fra i Paesi ritenuti “democratici” e gli altri, affidando ai primi il gravoso compito di dimostrare il valore del rispetto dei diritti umani, dello stato di diritto e della libertà d’espressione. Quale sarà infatti, ad esempio, l’impegno del Brasile, dell’Iraq o della Polonia al riguardo ? Un ultimo, ma non meno importante interrogativo è quello di capire, in questo contesto, come si articoleranno le future relazioni multilaterali, a partire da quelle esistenti (ONU, G20…) e il necessario dialogo sulle comuni sfide future, a partire dalla pandemia fino ai cambiamenti climatici. 

Molti infatti i problemi e le questioni di portata globale, dove le prove di dialogo sono ancora l’unica opportunità per affrontare le grandi tensioni in corso  nel mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here